vie quartiere pozzo strada donne
Cultura
POZZO STRADA

«Le nuove vie del quartiere dedicate a 4 grandi donne»

La proposta alla Toponomastica arriva dalla circoscrizione Tre

Intitolare le strade del nuovo complesso di Pozzo Strada a donne paladine dei diritti e delle libertà. La proposta arriva dalla circoscrizione Tre, che nell’ultimo consiglio ha approvato una mozione per chiedere alla commissione Toponomastica di dedicare i quattro nuovi sedimi stradali del maxi-complesso Pronda-Marche ad altrettante donne che, nell’arco della loro esistenza, si sono distinte per le battaglie su parità di genere e minori. Trattasi di Lidia Menapace, Teresa Mattei, Aida Robero ed Ernestina Prola.

«Queste proposte – spiega Elisabetta Malagoli, coordinatrice in Circoscrizione e prima firmataria del documento – nascono dal confronto con i nostri cittadini, e sono significative in un tempo, il nostro, in cui diritti e libertà ancora vacillano e va avanti a fatica il cammino per il rispetto e la libertà». Le quattro donne sopra citate sono state delle vere e proprie pioniere nelle battaglie per i diritti. Lidia Menapace aveva preso parte alla Resistenza come staffetta partigiana, poi a conflitto terminato non aveva mai fatto mancare il suo impegno sia a livello culturale che attivistico per la pace, diventando anche senatrice. Mentre a Teresa Mattei, partigiana, politica e pedagogista, si deve l’idea della mimosa come simbolo per l’8 marzo. E’ stata invece scrittrice, docente e giornalista Aida Ribero, che ha fondato il Centro studi e documentazione del pensiero femminile torinese. Infine Ernestina Prola, pilota automobilistica e, soprattutto, prima donna in Italia ad avere conseguito la patente di guida nel 1907, a soli sei danni dalla sua introduzione.

Condividi sui social:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo