ScuolaMammaMargherita
Istruzione
VIA PAISIELLO

Le nozze d’oro della scuola in una mostra di fotografie

Compie 50 anni la materna Mamma Margherita di Barriera di Milano

Era stata la marchesa Thaon De Revel a donare, alla congregazione salesiana, il terreno dove oggi sorge la scuola di via Giovanni Paisiello 42 e la cascina usata all’inizio come luogo d’incontro, ricreazione e catechismo. Scuola d’infanzia che si chiama Mamma Margherita – in onore della madre di Don Bosco – e che compie 50 anni, essendo nata nel 1971. Mezzo secolo di vita con i bambini e le famiglie, che per l’occasione saranno celebrati sabato 2 e domenica 3 ottobre con una mostra fotografica.

Una scuola che, nel corso del tempo, non è cambiata molto. Ancora oggi ci sono sette sezioni e i colori abbinati alle varie classi non sono mai mutati dal 1971. A educare i bambini ci hanno pensato, fino al 1995, le Figlie di Maria Ausiliatrice, prima che subentrasse il personale laico. Nell’anno 2000-2001 la scuola Mamma Margherita è diventata paritaria. Questo il programma delle celebrazioni del 50esimo anniversario: sabato 2 ottobre, alle 15.30 ci sarà l’apertura della mostra fotografica che ripercorrerà la vita della scuola, poi il pomeriggio sarà animato dai bambini con canti, balli e giochi. Alle 18.30 la celebrazione eucaristica. Domenica 3 ottobre, alle 10 verrà celebrata la messa e a seguire momenti di animazione e festa.

«Una scuola che ha aiutato molto le persone di Barriera di Milano – afferma Numinato Licari, vicepresidente della Sei nonché ex allievo della scuola – ed è bello constatare che dopo 50 anni è ancora un punto di riferimento per il territorio. Se nel ‘71 la sfida era accogliere le famiglie del sud, oggi la scuola ha la missione di essere un ponte interculturale con i nuovi cittadini di Barriera di Milano». Per la mostra, tra meno di un mese, la scuola vuole raccogliere almeno 50 storie sui suoi fatti ed episodi. Chi volesse fare un regalo può inviare il proprio contributo via mail all’indirizzo seguente: maria.oddo@michelerua.it.

Condividi sui social:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo