Max Verstappen (Depositphotos)
Sport
FORMULA 1

Le due Ferrari lottano fra loro e Max prende Sprint e Pole

Seconda Sprint del 2022, seconda vittoria di Max Verstappen come a Imola e pole position per oggi (il via del Gran Premio d’Austria sarà alle 15) messa in ghiaccio. Di diverso, rispetto alla gara di Imola, c’è l’atteggiamento delle due Ferrari, perché allora sembrava chiaro a tutti che Charles Leclerc fosse la prima guida. Qui a Spielberg no e infatti lui e Carlos Sainz hanno duellato a lungo, persino troppo, per stabilire chi dovesse inseguire la lepre sulla Red Bull.

Risultato? Forse Max avrebbe vinto lo stesso, di sicuro ha avuto vita più facile e lo ha riconosciuto pure lui: «Avevamo un buon passo all’inizio, poi siamo stati molto vicini come ritmo con le Ferrari. All’inizio hanno lottato tra di loro e questo mi ha permesso di staccarmi un po’, ma ora mi aspetto una battaglia interessante. Nel complesso siamo competitivi».

Alla fine Leclerc e Sainz sono arrivati in quest’ordine e così ripartiranno oggi, con una prima curva che si annuncia di fuoco per entrambi, se Mattia Binotto o chi per lui non detterà altre regole d’ingaggio. Il 16 in rosso via radio ha fatto capire chiaramente come la pensa e cosa si aspetta: «Bisogna stare più calmi nei primi giri, perché stavo gestendo le gomme» e ogni riferimento al compagno di squadra non è casuale. Poi parole di rito: «I nostri passi in gara erano molto vicini. Speriamo di partire di nuovo bene e di poter mettere pressione su Max. Nel Gran Premio dovremo collaborare io e Carlos? Beh, io lo spero. Non tocca a noi decidere, sta a Mattia. Però è vero, abbiamo perso un po’ di tempo in partenza, ma il ritmo alla fine era promettente».

Il monegasco ora è staccato di 44 punti da Verstappen e Sainz viaggia 12 lunghezze più sotto. Lo spagnolo abbozza e non raccoglie: «Sono partito bene e ho avuto un paio di lotte all’inizio: con Max in curva 3 e con Charles sempre nella stessa curva ma un po’ più avanti nella gara, così forse ho surriscaldato un po’ le gomme e la mia gara è finita lì. Collaborare contro Max? Vedremo. Innanzitutto dovremo da migliorare il passo, lui mi è sembrato molto forte in partenza e all’inizio della gara anche se piano piano ci avvicinavamo». Come Perez che oggi scatterà quinto e potrebbe tornare ad essere un fattore.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Giubileo - Casa funeraria
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo