Foto Depositphotos
Buonanotte

Le camevieve ucvaine

Impossibile non parlare di Ucraina, ma almeno occupiamoci della cornice. Il quadro ce l’avete davanti agli occhi, e di analisi ne avete sentite a iosa. E allora proviamo a ricordare un fatto capitato nel 2017 su Rai 1. Nel talk show “Parliamone sabato” il tema è: le donne dell’est. “Sono rubamariti o mogli perfette?” esordisce la conduttrice Paola Perego, mentre un tabellone luminoso col titolo “Qual è il fascino delle donne dell’est?” suggerisce una serie di risposte:

1) sono tutte mamme, ma dopo aver partorito recuperano un fisico marmoreo –

2) sono sempre sexy, niente tute né pigiamoni –

3) perdonano il tradimento –

4) sono disposte a far comandare il loro uomo

5) sono casalinghe perfette, fin da piccole imparano i lavori di casa –

6) non frignano, non si appiccicano e non mettono il broncio.

Cribbio! Ce n’era abbastanza per far insorgere le Boldrine di tutta Italia! E infatti la presidente Rai Monica Maggioni parlò di “errore inaccettabile e folle che l’aveva coinvolta in quanto donna”. Il programma, definito razzista e sessista, fu cancellato in tronco. L’altro ieri la storia si è ripetuta, solo che a pestare la busa non è stata la Perego, ma i compagni Lucia Annunziata e Antonio Di Bella.

Siamo su Rai3 durante la maratona sull’attacco di Putin. Letta dice: “il pensiero va alla comunità ucraina fatta di centinaia di migliaia di persone”, e non sapendo di avere il microfono acceso l’Annunziata aggiunge: “sì, tutte cameriere e badanti” e Di Bella: “anche amanti”. Pari indignazione? Macché. I due si scusano sui social, e morta lì. Le Boldrine tacciono e “Mezz’ora in più” non salterà. C’è chi può essere scorretto, e chi no. “Allova, ci vediamo a Capalbio?” – “cevto”.

collino@cronacaqui.it

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Giubileo - Casa funeraria
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo