indaga-detective
Libri
IL PROGETTO

Lazzaro rivive con Dazieri e Holmes con Crovi: mistero a Porta Palazzo per la Zara di Pandiani

Dodici giallisti nell’antologia a favore della Croce Rossa

Lazzaro Sant’Andrea non sta messo molto bene, abbandonato in autogrill dalla rossa Agata per una battuta di troppo. Ma Luciano, barbone ed ex camionista, sta anche peggio, derubato di un Gratta e vinci ricchissimo da un barista. E chi potrà aiutarlo a ritrovarlo? Lazzaro, ovvio, infilandosi in una gran serie di guai. Fa effetto, certo, leggere un nuovo racconto dell’investigatore sopravvissuto al suo create, Andrea G. Pinketts: a ridargli vita e spirito (alcol) è un Sandrone Dazieri in gran forma, calato perfettamente nel linguaggio e nello humour dell’amico scomparso, nel racconto “Il Codice gratta & vinci” che apre la raccolta “Indaga, detective” (Piemme, 16,90 euro), antologia gialla che di più non si può con una ricca serie di investigatori più o meno professionisti, in una sorta di giro d’Italia del mistero. Sandrone Dazieri, Paolo Roversi con il giornalista-hacker Radeschi, Gianluca Ferraris e Rosa Teruzzi ci portano a Milano, tra Brera e Giambellino. Ronco e Paolacci ci fanno vedere Genova umbratile, mentre la Napoli di Maurizio De Giovanni ci sbuca a sorpresa in una prefazione scritta direttamente dal commissario Ricciardi, che si scusa anche per l’invasione temporale e non solo, ma rivelando che in fondo tutti i personaggi di certa narrativa fanno così: sono loro che entrano nel nostro mondo, non noi quando leggiamo.

E a Torino il viaggio comincia a Porta Palazzo, nel cuore del mercato, tra ambulanti e disperati. Tra cui Mahmoud, un giovane che deve ritrovare Mina, bella prostituta nigeriana ma un po’ debole di mente, come si diceva una volta, facile da sfruttare, colpire, ferire. Mahmoud sostiene di averla curata e aiutata quando è stata rapita e stuprata da un gruppo di criminali. Ora però Mina è sparita e per ritrovarla il giovane si affida – in qualche modo riesce a convincerla – a Zara Bosdaves, l’investigatrice privata creata da Enrico Pandiani. Ma la realtà si scoprirà ben diversa.

Gli altri racconti di questa antologia un po’ particolare – i diritti d’autore saranno devoluti interamente alla Croce Rossa, una idea nata a Suzzara durante il festival Nebbia Gialla, come spiega il curatore Paolo Roversi – sono di Daniela Grandi, Paolo Regina, Leonardo Gori, Valerio Varesi, Romano De Marco e Luca Crovi, il quale realizza a sorpresa una avventura a Londra, una indagine inedita di Sherlock Holmes.

A chiudere, un pezzo di Andrea Carlo Cappi per ricordare ancora Pinketts, cui di fatto tutti gli altri autori, anche solo con la loro presenza, rendono omaggio.

Condividi sui social:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

Scopri inoltre...

Gruppo Gheron
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo