peter pan il richiamo libro
Libri
LA RISCOPERTA

L’autore scoperto da Peter Pan e i prigionieri come selvaggina

Sarban e il suo editore Peter Davies

C’era uno scrittore che era stato scoperto nientemeno che da Peter Pan in persona. Eh già, Sarban, al secolo John William Wall, fu pubblicato per la prima volta da Peter Davies (nella foto a destra), magnifica figura di editore illuminato e figlio di J.M. Barrie, l’autore di Peter Pan. Figlio adottivo, a essere precisi, il cui nome fu comunque dato al ragazzo che non vuole crescere e causò gravi fastidi e problemi al buon Davies che era stato capitano in guerra, sapeva di lettere, ma rimaneva il “vero” Peter Pan – anche se l’eredità del padre era l’odiato capolavoro, perché quella vera l’aveva fatta andare alla truffaldina segretaria dello scrittore -, soffrendoci enormemente. Ma questa sarebbe tutta un’altra storia – finita sotto un treno della metropolitana – perché quello che conta è come Davies trovò Wall.

Cominciò con una trattativa per interposta persona, ossia la moglie di Davies, che portava con sé un paio di racconti del marito, «al momento fuori del paese». Sì, perché Wall era un diplomatico di professione, tra Egitto e altri Paesi arabi, e scrivere era quasi come un di più, per lui, tanto che anche l’eccessiva modestia deve averlo penalizzato. Promuoverlo non era facile, tanto che le vendite dei suoi libri furono sempre basse, tranne quando per qualche ragione l’editore americano Ballantine inserì un romanzo nella collana che miscelava horror e fantastico: risultato, un bestseller opzionato anche da Hollywood. Momento di gloria mai più ripetuto, ovvio.

Eppure Wall, che si firmava Sardan, ed è uno scrittore autenticamente di culto, sarebbe un grande autore da riscoprire: a partire da “Il richiamo del corno” (Adelphi, 12 euro, traduzione di Roberto Colajanni), ora in una nuova edizione con una precisa nota di Matteo Codignola.

In stile molto british, il romanzo prende avvio in una riunione quasi di famiglia in un cottage di campagna e si sa che di solito queste riunioni finiscono nel tragico… Il tragico non nei fatti, ma nel racconto di un incubo. Quello di Alan Querdilion, ufficiale di marina, fatto prigioniero durante la seconda guerra mondiale e poi in fuga dal campo di lavoro, una fuga che lo fa finire, dopo un misterioso incidente, in una clina di lusso piuttosto inquietante, dal silenzio rotto solo dal suono di un corno da caccia. La caccia, però, è agli uomini, le prede di un oscuro conte in un mondo in cui i nazisti hanno vinto la guerra e i prigionieri sono selvaggina. Una metafora fin troppo evidente, ma una narrazione che merita di essere ritrovata e rivalutata.

IL RICHIAMO DEL CORNO
Autore: Sarban
Editore: Adelphi
Genere: Romanzo
Prezzo: 12 euro

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo