laura lucchetti 2
Spettacolo
RIPRESE A TORINO

Laura Lucchetti: «La mia bella estate? Un omaggio a Pavese»

Gli ultimi istanti sul set, dopo mesi di lavoro e anni di preparazione, sono appena passati: “La bella estate”, dopo 7 settimane di riprese a Torino, ai laghi di Avigliana e a Carignano tra settembre e ottobre, passa ora alla fase successiva, quella del montaggio. Il film è la trasposizione del romanzo omonimo pubblicato negli anni ’40 da Cesare Pavese. «Non girarlo qui, sul territorio in cui ha vissuto, sarebbe stato un tradimento», confessa la regista Laura Luchetti dal circolo Eridano in riva al Po, luogo degli ultimi ciak. «Amo Pavese e “La bella estate” in particolare, ci ho lavorato con passione e terrore quotidiani, mi chiedo ancora come ho osato mettere mano al suo lavoro».

Lo scrittore piemontese non è stato spesso trasposto al cinema. «Ha scritto una novella universale, gli adolescenti che lui raccontava non sono diversi da quelli di oggi, sono come mia figlia. I sentimenti sono gli stessi, al centro c’è il tema della crescita, del proprio orientamento sessuale. Mi sono affidata completamente al libro, che ho continuato a rileggere anche durante le riprese e che mi ha ispirato sempre».

Un film affidato a un cast giovane in cui spicca il nome di Deva Cassel, figlia di Monica Bellucci e Vincent Cassel, al suo esordio. Insieme a lei Yle Yara Vianello, già in “Nudes” su Raiplay della stessa Luchetti, Nicolas Maupas e Alessandro Piavani. «La protagonista è una ragazzina di 16 anni che sta cercando il proprio essere, ho scelto Yle per interpretarla. Intorno a lei ci sono tanti altri adolescenti, molti alla prima esperienza al cinema come Deva, che interpreta la “grande tentatrice”. Avevo visto una sua foto anni fa su un giornale e ho pensato subito che sarebbe stata perfetta, a gennaio l’abbiamo incontrata a Parigi e abbiamo avuto la conferma. Abbiamo fatto un laboratorio a luglio in cui si sono conosciuti tra loro e hanno potuto provare molto, quasi come a teatro. Si sono fidati di me, hanno regalato freschezza al film».

Sostenuto da Film Commission Torino Piemonte, il film è prodotto da Kino Produzioni insieme a Rai Cinema e uscirà in sala nel corso del 2023 distribuito da Lucky Red.

«Torino c’è tantissimo nel film, più che nel libro. Ci siamo sbizzarriti in location meravigliose, tra il parco della Mandria e Vanchiglia, piazza Cln con la neve e piazza Palazzo di Città con la pioggia, il Circolo dei lettori e molto altro».

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo