Fonte: Depositphotos
News
E’ successo in zona Mirafiori a Torino

Latitante litiga con il vicino di casa e chiama la polizia. Arrestato

Gli agenti della Volante arrivano sul posto e scoprono la verità: l’uomo doveva scontare 5 mesi per rapina e lesioni

Due vicini di casa litigano tra loro. Entrambi richiedono l’intervento della polizia, ma uno di loro era destinatario di un ordine di carcerazione. E così, per lui, sono scattate le manette. E’ successo intorno alle 17 di mercoledì scorso, in un condominio zona Mirafiori a Torino.

LITE IN CONDOMINIO, ARRIVA LA POLIZIA
Qui la polizia è intervenuta per una lite tra inquilini. Il primo a richiedere l’intervento delle forze dell’ordine ha affermato di aver ricevuto, nel corso del “diverbio”, minacce di morte dal condomino del piano di sotto, un italiano di 56 anni. Quest’ultimo, a sua volta, ha riferito alle forze dell’ordine di aver ricevuto le stesse minacce dall’altro.

GLI AGENTI SCOPRONO CHE ERA LATITANTE
Nel corso degli accertamenti tuttavia, gli agenti della Polstato hanno scoperto che l’uomo che per primo aveva chiamato la polizia risultava latitante in quanto destinatario di un ordine di carcerazione, in base al quale deve espiare una pena residua di 5 mesi per rapina e lesioni. Per lui, inevitabile, è scattato l’arresto.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo