naomi
Cronaca
VENARIA REALE

La transgender va dal sindaco: «Naomi non lasciare la città»

L’appello del primo cittadino Fabio Giulivi alla ventenne discriminata

Ogni volta che esce di casa, Naomi Shines, 20enne venariese transgender, sa che sarà oggetto di insulti, di frasi denigratorie e omofobe. Una situazione pesante, che poche settimane fa l’aveva portata a denunciare la sua condizione sotto un post del sindaco Fabio Giulivi. Insulti da parte di ragazzini e adulti. Indistintamente. Tant’è che Naomi voleva andare via da Venaria. «Se Naomi andrà via da Venaria avrò perso io. Ma avrà perso anche Venaria Reale. E, credo, un po’ tutti noi che non siamo stati in grado di proteggerla», commenta il sindaco a margine dell’incontro avuto con la giovane, alla presenza dell’assessore alle Pari Opportunità, Paola Marchese. Dopo quel post c’era già stato un primo incontro conoscitivo con il sindaco, durante il quale aveva raccontato la sua vita e il suo percorso di affermazione di genere. «E in quella circostanza mi aveva confermato come stesse pensando di lasciare Venaria per rifarsi una vita più serena altrove dove, non sapendo del suo passato, nessuno potesse giudicarla ma soprattutto insultarla – continua Giulivi – Questo per me, da sindaco, è un insuccesso, perchè vorrei che le persone venissero a vivere nella nostra città. Ogni venariese che decide di andarsene rappresenta una sconfitta, soprattutto quando le motivazioni sono queste». Il consiglio comunale, proprio lunedì sera, ha approvato all’unanimità due mozioni che vanno nella direzione di far diventare Venaria una città dei diritti: una, proposta dalla maggioranza, che impegna il sindaco a tutelare tutte le persone contro le discriminazioni, con l’impegno di potenziare e diffondere il servizio “Una stanza per te” nei locali della polizia Municipale e dei carabinieri. Ora, forse, Naomi cambierà idea.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo