Wine
Economia
LA FESTA

La Torino Wine Week stappa le “bollicine” e si apre alla movida

Una settimana per scoprire etichette eccellenti

L’enoteca diffusa più grande d’Italia, con una settimana scandita da una ventina di eventi e degustazioni, culminante nel Salone del Vino al Museo del Risorgimento. Con la “Notte delle Bollicine”, si inaugura sabato sera la Torino Wine Week, che riporta il capoluogo del Piemonte tra le mete preferite dei turisti del vino. I cosiddetti “enoturisti” che, fino a domenica prossima, potranno godersi la città e non pochi calici, grazie alla presenza di settanta produttori locali o provenienti da tutta Italia.

Con un ricco calendario di iniziative, a compendio. Degustazioni, ma non solo, anche “masterclass”, aperitivi esclusivi e cene a tema con brindisi nei locali del centro cittadino. La kermesse, novità vera di quest’anno e segno di un tentativo di ritorno alla normalità, coinvolgerà anche la movida tra Vanchiglia, San Salvario e il Quadrilatero Romano, che si presume non disdegnerà per niente di mescersi, più che mescolarsi, ai fedeli e agli appassionati di Bacco.

Oltre a questa nuova formula, la Torino Wine Week conferma come in passato l’obiettivo di unire alle eccellenze vitivinicole anche la valorizzazione del patrimonio culturale e museale della città. A partire dal weekend del Salone del Vino, in programma sabato e domenica prossimi al Museo del Risorgimento. La Notte delle Bollicine di questa sera, invece, sarà ospitata dall’Enoteca di Eataly Lingotto, la più grande di Torino con le sue oltre 35mila bottiglie a partire dalle 18.

Torino Wine Week è organizzata dall’associazione Klug con Bonobo Events e Orticola Piemonte, con il patrocinio della Città di Torino, il supporto di Camera di Commercio e il contributo della Regione Piemonte. Per chi non vorrà perdersi nulla, l’acquisto dei Wine Pass al costo di 5 euro permetterà uno sconto tra il 10% e il 15 % su tutti gli appuntamenti. Così come l’ingresso al Salone del Vino, si potrà acquistare sul posto o tramite Internet.

Nell’ambito del Salone del Vino, inoltre, sarà realizzata un’area espositiva dedicata alla presentazione dei vini della provincia di Torino, che culminerà nel pomeriggio della prossima domenica, con lapremiazione delle aziende recentemente scelte da Camera di commercio di Torino tra i produttori delle sette Doc e Docg. Oltre alle etichette che raccontano il nostro territorio, tante etichette arriveranno dal resto d’Italia.

Liguria, Sardegna, Lazio, Toscana e Lombardia, passando da una delle più importanti aree a vocazione vitivinicola del nostro Paese, come i vini di Bolgheri. Ulteriori “focus” sui vitigni autoctoni saranno realizzati grazie a Go Wine, mentre a raccontare il Canavese e i suoi gioielli provvederà l’Associazione dei Giovani Vignaioli Canavesani e la Doc di Torino con l’Enoteca Regionale dei Vini della Provincia di Torino.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo