(foto Depositphotos)
Buonanotte

La tasca scarlatta contro il verde

L’Ancona Respect è una squadra di calcio che disputa il campionato regionale under 15 della Fgci femminile. Una squadra ufficiale, voglio dire, assoggettata a tutte le norme che regolano l’attività delle società sportive italiane soggette al Coni. Tra le quali norme esiste da sempre quella dell’apoliticità nello sport. D’altra parte se non fosse così avremmo squadre finanziate dai partiti invece che dagli sponsor. Avremmo abbinamenti equivoci agli impianti, tipo Legastadium invece di Dacia Arena. Ma l’impegno politico dell’Ancona va in una direzione ben riconoscibile, evidente fin dal nome respect, cioè antirazzismo militante. Uno schieramento politico così netto è strano per un sodalizio composto di bambine o al più di ragazzine. Ma sono i dirigenti che contano. E sono loro che hanno messo in mano alle bambine under 12 un bel cartello “diamo un calcio a Salvini” nella foto ufficiale di un torneo prenatalizio. Rieccoci alla cartellonistica politica abusiva, tanto cara ai compagni. Quella dei “comuni denuclearizzati”. Quella dei ristoranti “deberlusconizzati”, aggiornatisi in “desalvinizzati” da quando il Cav. è stato bloccato per via giudiziaria. Ce n’è uno lungo il Po, un antico circolo socialista di mutuo soccorso “d’ambo i sessi” che fu per un secolo mitica piola operaia e oggi è diventato una falsa piola fighetta coi bicchieri firmati e la cena a 50 euro. All’entrata, immancabile, il cartello “locale desalvinizzato”. Su Internet il locale si definisce “una tasca scarlatta cucita sotto il verde velluto della collina”. Ecco: più radical chic di così si muore. Il “desalvinizzato” era pleonastico

collino@cronacaqui.it

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Buonanotte
Buonanotte
EDITORIALE DEL GIORNO
Buonanotte
EDITORIALE DEL GIORNO
banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo