Ecco la Cascina Morra
diventata famosa in tv. In realtà si tratta del Borgo Cornalese nella zona riconosciuta patrimonio dell’Unesco, a 20 chilometri da Torino.
Spettacolo Tempo Libero
UNIVERSO FICTION

“La strada di casa” è tutta piemontese

Su Raiuno dal 17 settembre la serie di Alessio Boni girata a Borgo Cornalese

Finito, o quasi, il tempo delle repliche che hanno tenuto banco per quanto riguarda la fiction con l’eterno “Commissario Montalbano” su Raiuno (in programma anche il 9 settembre) e “L’onore e il rispetto” di Gabriel Garko nell’universo Mediaset, è tempo adesso di dare il via alla nuova stagione. Che sarà inaugurata (dopo “A un passo dal cielo”) dalla fiction più piemontese della tv, “La strada di casa 2“, con Alessio Boni, Lucrezia Lante della Rovere, Sergio Rubini e diretta da Riccardo Donna. In programma da martedì 17 settembre per sei puntate, si tratta della seconda parte della storia ambientata in una meravigliosa tenuta della nostra regione, Cascina Morra, in cui nasce la vicenda di Fausto Morra, alias Alessio Boni, il quale nella prima serie aveva visto la propria esistenza completamente stravolta in seguito a un periodo di coma. Una sorta di giallo che ha trovato nella location l’atmosfera adatta. Le riprese sono state realizzate, infatti, quasi tutte presso lo splendido Borgo Cornalese nella zona riconosciuta patrimonio dell’Unesco, a 20 chilometri da Torino, oggi ribattezzato Cascina Morra, proprio in seguito al successo della fiction il cui finale ha registrato 5.677.000 telespettatori pari al 23 per cento di share.
Fondato intorno all’anno 1000 da ungari e bulgari, il Borgo oggi è oggetto di un grande ed ambizioso progetto di restauro conservativo che lo farà di nuovo sbocciare nel cuore del Piemonte. Il luogo migliore insomma per le vicende della famiglia di allevatori ed enologi Morra che dovrà vederne ancora delle belle prima di ritrovare la propria serenità. Tra gli altri titoli made in Piemonte attesi sulla Rai, grande attesa per “Ognuno è perfetto” di Giacomo Campiotti con Edoardo Leo, Cristiana Capotondi, Piera Degli Esposti e Nicole Grimaudo. Si tratta della fiction che vede protagonisti un gruppo di ragazzi down girata quasi tutta a Torino. E ancora “Rocco Schiavone”, il titolo più riuscito di Raidue realizzato nella vicina Valle d’Aosta e quindi entrato nel cuore anche dei piemontesi.
In generale, i titoli in programma in Rai per questo inizio stagione sono ancora: “Don Matteo”, “Nero a metà”, “Vivi e lascia vivere”, “L’amica geniale 2”, “La vita promessa 2”, “La guerra è finita”. Per quanto riguarda Canale 5, inutile dire che la prossima sarà la stagione di Raoul Bova e del suo “Giustizia per tutti”, la lunga serie che si girerà in città fino a gennaio e che andrà in onda a primavera. Le riprese sono iniziate lunedì e il bell’attore romano è già finito in pasto alle fan. Grande attesa, infine, per “L’isola di Pietro”, “Rosy Abate”, “Il Processo” con Vittoria Puccini e Francesco Scianna, e “Fratelli Caputo” con Nino Frassica e Cesare Bocci.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo