LaSposa
Tempo Libero
FICTION RAI

La sposa apre il 2022, poi a febbraio tocca all’”Amica geniale 3”

La prima serie è stata girata tra la Puglia e il Piemonte, il successo internazionale tratto dai libri della Ferrante è sbarcato sotto la Mole a inizio del 2021 per le riprese

Una sposa e un’amica geniale: sono loro le figure su cui si basa la grande ripartenza della fiction su Rai Uno che avverrà a inizio 2022, entrambe legate in qualche modo a Torino e al Piemonte. Si comincia domenica 16 gennaio con “La Sposa”, girata nell’estate 2021 tra la Puglia (Vieste, Vico del Gargano e Monte Sant’Angelo) e la nostra regione, per la precisione ad Alessandria, grazie al sostegno della Film Commission Torino Piemonte.

Serena Rossi è la protagonista assoluta di questa storia, con al centro una donna del Sud costretta a sposare, tramite un matrimonio per procura, un uomo del Nord Italia negli anni Sessanta. Lungo sei episodi da 50 minuti il pubblico scoprirà come Maria affronterà il suo destino per salvare la famiglia fortemente indebitata e come costruirà il suo rapporto col marito. Una serie piena di sentimenti che prova a denunciare le pratiche sessiste dell’Italia ancora patriarcale e rievoca il mondo contadino e l’Italia che si affaccia all’industrializzazione del Dopoguerra. Nel cast anche Maurizio Donadoni, Matteo Valentini e Giorgio Marchesi. Il soggetto di serie è di Valia Santella, autrice anche delle sceneggiature insieme a Eleonora Cimpanelli e Antonio Manca.

A febbraio sarà invece il tempo della terza stagione de “L’amica geniale”, intitolata “Storia di chi fugge e di chi resta”, girata in buona parte anche a Torino con la regia, per la prima volta al posto di Saverio Costanzo, di Daniele Luchetti. Siamo arrivati agli anni Settanta: il matrimonio di Elena con Pietro Airota dà il via alla storia. Allontanatasi da Napoli, Lenù avrà anche un discreto successo letterario, mentre la sua amica Lila dopo essersi separata dal marito cerca di sopravvivere lavorando in fabbrica. Ma non sono solo parte della storia e delle riprese a legare la nostra città alla serie tratta dai romanzi di Elena Ferrante: la società Zenit è stata infatti confermata come autrice della sigla iniziale, composta ancora una volta da finti filmati d’archivio girati in Super8 e ottenuta digitalizzando le pellicole utilizzate durante le riprese.

La troupe della serie era stata a Torino a febbraio 2021: per sei giorni circa hanno girato in diverse location del centro cittadino, soprattutto presso la Facoltà di chimica di Via Pietro Giuria e a Palazzo Campana (entrambe sedi dell’Università di Torino). Nel procedere della storia la protagonista Margherita Mazzucco si reca al Nord all’inizio degli anni ’70 per la presentazione del suo primo libro. Le riprese torinesi della serie hanno visto sul set anche varie figure professionali piemontesi tra cui la Location Manager Cristina Vecchio, l’Ispettore di produzione Daniele Morini e la Casting Director Luana Vellisgic.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo