tram bus ammassati covid
Cronaca
IL CASO Assembramenti alle fermate e nessun controllo

LA SECONDA ONDATA. Su tram e bus si viaggia ammassati come bestie: interviene la polizia

Un autista Gtt si ferma per l’affollamento e viene insultato. Gli agenti salgono sul mezzo e fanno scendere i passeggeri

Alle quattro di pomeriggio, mentre le notizie che arrivano da Roma raccontano di un Piemonte che va verso il lockdown, a Porta Palazzo si vive un sabato uguale a tutti gli altri. Con il mercato colorato e rumoroso come sempre, intere famiglie a riempire le sporte della spesa, i tossici che fanno la loro mischiandosi tra la folla e le auto dei kabu kabu verso via Cottolengo. Qui, mentre l’atmosfera nei centri commerciali costretti a chiudere è tetra, se si escludono le mascherine e le precauzioni prese dagli ambulanti che fanno il possibile affinché la situazione non degeneri, è come se il coronavirus non esistesse. Comprese le banchine del Gtt, con la solita calca di persone e l’assenza di qualsiasi tipo di controllo. E pure i mezzi, che quando ripartono dalle quattro fermate del mercato sono stracolmi. Come carri bestiame.

«Ma come? – si chiede una madre che aspetta il 4 con il neonato nel marsupio -, non hanno ridotto di metà la capienza?». «Forse – le risponde un anziano – hanno capito di dover dimezzare i bus».

+++ CONTINUA A LEGGERE NEL GIORNALE IN EDICOLA OGGI +++

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo