farcry6
Tecnologia

LA RECENSIONE – Far Cry 6

L’estate comincia a essere un ricordo sbiadito dalle nebbie autunnali. Il sole una pallida luce che a fatica si fa largo tra le nuvole mentre pioggia e vento ci hanno già obbligato a sostituire magliette e bermuda con felpe e jeans. Cosa di meglio per combattere l’incombente depressione autunnale di un bel viaggio su una lussureggiante isola tropicale? Se vi sentite pronti al volo ma scuola e lavoro vi tengono inchiodati a terra, potete sempre lanciarvi in Far Cry 6, l’ultimo capitolo del franchise targato Ubisoft, ambientato proprio su un’isola. Scordatevi però di trascorrere le vostre giornate oziando in spiaggia, perché il paradiso naturale è anche un inferno sociale. Quindi, posate pinne e abbronzante e afferrate machete e pistole. Sempre se volete sopravvivere.

LA TRAMA

Benvenuti a Yara, isola immaginaria ma che non solo nel bisillabico nome è visibilmente ispirata a Cuba. Un’isola dove il tempo si è come fermato a dopo la rivoluzione degli anni ’60, che portò al potere Fid… pardon, Castillo e a uno stretto embargo: una combinazione che ha spinto la popolazione nella miseria. Ma è da queste terre povere e sfortunate che all’improvviso spunta una speranza non solo per Yara ma per il mondo intero: il Viviro, una miracolosa cura per il cancro che promette di guarire tutti coloro che stanno lottando per la propria vita. Quello che il mondo ignora, o finge di ignorare, è che in questo caso la vita nasce dalla morte: il Viviro infatti si ricava dalle piantagioni di Yara “modificate” da un fertilizzante che però è altamente tossico e uccide gli sfortunati abitanti dell’isola costretti dal regime a lavorare come schiavi. Un “particolare” che non ferma Castillo, pronto a sacrificare anche gli affetti più cari pur di non fermare la produzione di massa del Viviro, la sua carta per far uscire Yara dalla miseria e consegnarlo agli occhi della storia come l’uomo che ha sconfitto il cancro.

Dani Rojas (che sceglierete voi se essere maschio o femmina), il/la protagonista che da adesso per comodità declineremo solo al maschile, dopo un sanguinoso tentativo di fuga da un rastrellamento, si troverà suo malgrado coinvolto nella resistenza contro Castillo, supportato da una serie di affascinanti comprimari e anche da alcuni curiosi aiutanti. Avete mai provato a fare un grattino a un alligatore?

Il GAMEPLAY

Chi ha giocato ai precedenti capitoli, non avrà grosse sorprese da questo Far Cry 6, che riprende gli schemi di gioco già visti nella serie, puntando più sulla quantità di contenuti che sulle innovazioni. E quindi ecco la classica struttura open world, con una grande mappa che si apre all’esplorazione del giocatore, offrendogli una vasta scelta tra missioni principali e secondarie, regioni da liberare eliminandone il boss, tesori da cercare, torri antiaree da sabotare e così via. Una mappa ampia che potrà essere esplorata anche utilizzando uno dei tanti mezzi a disposizione, non solo a ruote ma anche volanti e… a trazione animale.

Il sistema di combattimento vi offre due scelte di base nell’affrontare la vostra missione: potrete optare per un approccio stealth, infiltrandovi silenziosamente ed eliminando i nemici uno a uno, oppure scegliere un assalto diretto. Nel primo caso potrete “sfoltire” le fila avversarie con eliminazioni dalla distanza per poi andare a completare il lavoro usando il vostro fedele machete, che vi accompagnerà fin dalle prime battute del gioco. Nel secondo, avrete a vostra disposizione il classico arsenale di giochi simili, fatto di pistole, fucili, mitragliatori. Soprattutto in questo secondo caso, potrete anche avvalervi di un “aiutante” molto particolare: nel corso del gioco infatti incontrerete gli Amigos, alcuni animali che, una volta conquistata la loro fiducia, saranno pronti a schierarsi al vostro fianco seguendo alcune indicazioni basilari, del tipo “attacca”, “seguimi” o “vai in quel punto”. Ne incontrerete diversi e per non rovinarvi la sorpresa vi anticipiamo solo i tre di cui sono già apparse tante immagini e anticipazioni: l’alligatore Guapo, che conoscerete già nei primi minuti di gioco, il cagnolino invalido Chorizo e il gallo combattente Chicharron. In realtà nessuno di loro sarà indispensabile, in quanto potrete concludere le missioni anche senza aiuti, però utilizzarli, oltre a facilitarvi le cose, aggiungerà al gioco un pizzico di sana follia.

Completano la struttura di base i potenziamenti per le armi e l’attrezzatura con i loro bonus, i Supremo, zainetti con armi e attacchi speciali e molto potenti, e granate ed esplosivi vari.

Insomma, c’è tutto quello che ci si aspetta da un gioco simile, che vi accompagnerà per diverse decine di ore di gioco (la longevità varierà moltissimo se deciderete di affrontare tutte le missioni a disposizione e non solo la storia principale), con l’unica pecca dell’intelligenza artificiale dei nemici. I soldati infatti non brillano per acume, mettendovi più in difficoltà per il loro numero che per le capacità belliche e strategiche.

Segnaliamo la presenza della possibilità di giocare anche in cooperativa con un amico.

IL COMPARTO TECNICO

Per una volta, partiamo dal comparto audio. E lo facciamo per sottolineare quello che purtroppo è il vero grosso difetto di Far Cry 6: la mancanza del doppiaggio in italiano. Tutto il gioco è localizzato nella nostra lingua, e quindi nessun problema per menù e sottotitoli, ma per qualche incomprensibile motivo non è stato doppiato in italiano, costringendoci così a scegliere l’inglese o una delle altre lingue supportate. Un vero peccato, anche perché il resto del comparto era invece all’altezza, in particolare per la colonna sonora dalle chiare influenze latinoamericane che contribuisce a immergersi nelle atmosfere tropicali.

Dal punto di vista grafico invece, pur senza gridare al miracolo, tutto gira come ci si aspetta. L’isola di Yara è ben realizzata ed è piacevole esplorarla anche per scoprire nuovi e affascinanti scorci. Di buon livello anche le animazioni e i personaggi mentre il gioco scorre senza particolari bug o rallentamenti anche nei momenti più concitati.

 

Far Cry 6 è un gioco realizzato da Ubisoft per Xbox Series, Xbox one, Ps5, Ps4 e Pc. La versione utilizzata per la recensione è quella per Ps4.

 

I VOTI

Gameplay 9

Longevità 9

Audio 7,5

Grafica 8

TOTALE 8,5

 

 

Condividi sui social:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo