protesta-atc
Cronaca
VIA DEI MUGHETTI

La protesta degli inquilini Atc: «Citofoni rotti da oltre 3 anni»

Le pompe antincendio sono ko dal 2017: «Presto i dovuti controlli»

Citofoni rotti da oltre tre anni, pompe antincendio in pessime condizioni, finestre rotte e un vialetto al buio. Sono i problemi degli inquilini residenti nelle case popolari di via dei Mughetti, alle Vallette, che ieri mattina sono scesi in strada per protestare. «Quello dei citofoni – raccontano i residenti -, è il problema principale. Molti di noi sono anziani e diffidano dall’aprire la porta a chiunque suoni. Chiediamo provvedimenti perché non ci sentiamo al sicuro». Problemi noti ad Atc. Per la riparazione dell’impianto citofonico «è intervenuta una ditta. I tecnici hanno sostituito pulsantiera e alcuni componenti ma hanno riferito che avrebbe potuto esserci ancora interferenze. È stata prevista una verifica per ogni alloggio, ma alcuni residenti non hanno permesso ai tecnici di entrare in casa. Ricordiamo che tutti i tecnici incaricati da Atc sono muniti di tesserino di riconoscimento e, nel timore di truffe, è sempre possibile verificare che siano stati autorizzati contattando il numero verde».

Ma gli inquilini lamentano anche disagi con gli infissi delle case. Quando piove l’acqua entra negli alloggi, soprattutto ai piani alti del palazzo. «Possono essere sostituiti – continua Atc -, soltanto nell’ambito di lavori che prevedano un finanziamento per la riqualificazione energetica. Al momento non c’è un cantiere già in programma ma saranno molti, nei prossimi anni, gli interventi di questo tipo grazie alle risorse in arrivo con i fondi del Pnrr». I bocchettoni dell’impianto antincendio, infine, versano in pessime condizioni dal 2017 e verranno verificati nell’ambito delle periodiche verifiche di sicurezza. «In caso di incendio sarebbero problemi» conclude un anziano. Tra le tante magagne anche la mancanza di illuminazione nel vialetto. Un eventuale intervento, tuttavia, non spetterebbe ad Atc ma al Comune di Torino.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo