LE NOSTRE BOCCIOFILE

La precollina casa di campioni: «17 volte col tricolore al petto»

La "Amatori Bocce Sassi" si trova in strada Traforo del Pino

La maglietta pluri-scudettata fa bella mostra di sé nel salone principale, quasi fosse una coppa. Diciassette non vuol dire sfortuna all’Amatori Bocce Sassi, perché tanti sono i campionati nazionali vinti dalla società. Qui, al 20 di strada Traforo del Pino, dove troviamo un circolo fondato nel lontano 1948 al posto di una vecchia fornace dismessa, quando l’Italia aveva ancora i postumi della guerra e i lavori per la costruzione del traforo non erano nemmeno iniziati. La sede si trova su un terreno di proprietà della Curia e oggi va avanti grazie al connubio bocce-ristorante.

Quest’ultimo è a conduzione famigliare e si mangiano ottimo pesce e specialità piemontesi a prezzi competitivi. Tavoli tutti prenotati, col pienone sia a pranzo che a cena. Un posto rilanciato da Silvio e Irene, che hanno preso il ristorante quando il circolo navigava nel mare in burrasca. «La situazione economica era difficile – spiega il presidente Luciano Rubeo – ma per fortuna ci siamo salvati e adesso le cose vanno meglio». Così, mentre molte altre realtà chiudono o sono sul punto di abbandonare, l’Amatori Bocce Sassi è riuscita ad arrivare al 70° compleanno, festeggiato in pompa magna lo scorso anno. Dove invece la crisi non c’è mai stata è sui campetti.

Una sfilza di tornei portati a casa, l’ultimo il titolo italiano nel 2014 conquistato in quel di Marene. Un trofeo che si porta dietro una storia particolare e toccante. Il terzetto che si qualificò alla finalissima era infatti composto da Daniele Perga, Luigi Data e Dario Riva. Quest’ultimo, però, si arrese a un brutto male a soli 52 anni proprio a un amen dall’atto conclusivo. Giorgio Garola ne prese il posto. La squadra in finale fece un partitone stracciando i rivali con un roboante 13-0. «Oggi abbiamo vinto in quattro», dissero i giocatori mentre ricevevano la coppa, poi donata alla famiglia dello sfortunato Riva di cui il 15 settembre si terrà il quinto memorial. Nella speranza che dal campo arrivino presto altre soddisfazioni, resta quella la vittoria più bella.

CONDIVIDI
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
loop-single