sgombero
News
IL FATTO. Nei capannoni trovati 16 stranieri e una italiana

La polizia sgombera l’area ex Gondrand. «Ora si riqualifica»

Ieri mattina l’operazione a lungo invocata in via Cigna. Gli edifici erano diventati rifugio di spacciatori e drogati

Sono le 12 quando le campane della chiesa Maria Speranza cominciano a suonare gli inni natalizi. A pochi metri, dall’altro lato della strada, 17 persone attendono di conoscere il proprio destino, in un ambiente che sarebbe difficile immaginare più lontano da feste, luci e addobbi. Sono i disperati della ex Gondrand, vestiti di stracci, circondanti dai rifiuti, gli occhi spaventati ma speranzosi di chi ha visto l’inferno e spera in una vita migliore. A illuminarli non sono le luci lampeggianti degli alberi di Natale ma quelle blu delle sirene della polizia, che ieri mattina ha provveduto allo sgombero del capannone e della palazzina uffici, diventati negli ultimi mesi la “casa” di extracomunitari, clandestini, senzatetto, disperati e soprattutto di spacciatori e tossicodipendenti.

Gli agenti del commissariato Barriera di Milano, con il supporto della polizia municipale, dei vigili del fuoco e della Croce Rossa, sono entrati nell’area di via Cigna ieri mattina.

+++ CONTINUA A LEGGERE IL GIORNALE IN EDICOLA OGGI +++

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Giubileo - Casa funeraria
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo