Le ferite riportate da uno dei due agenti
Cronaca
IL FATTO

LA NERA. Il cane contro i vigili perché senza biglietto

Un agente è stato azzannato e curato al Gradenigo

Inseguito dagli agenti della polizia municipale perché era senza biglietto (e forse senza mascherina) sul bus da cui era appena sceso, ha aizzato contro un ispettore il proprio cane, un meticcio di media taglia, all’urlo di: «Vai!». Il cane, su ordine del padrone, ha azzannato al ventre l’agente, che è stato medicato all’ospedale Gradenigo per due ferite (e due buchi, segni dei denti) e una prognosi di sette giorni.

Il fatto, che ha portato all’iscrizione sul registro degli indagati della procura di Torino due italiani di vent’anni, è accaduto durante la sera del sei ottobre. Una squadra di persone composta da due agenti della municipale e impiegati della Gtt era a bordo della linea 49 per fare dei controlli, sia sui biglietti che sull’uso delle mascherine a bordo da parte degli utenti.

+++ CONTINUA A LEGGERE NEL GIORNALE IN EDICOLA OGGI +++

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo