Il fuoco minaccia il centro abitato di Givoletto

La montagna torna a bruciare: un centinaio gli evacuati nella notte

I carabinieri forestali non escludono che possa trattarsi di un incendio di origine dolosa

Ancora fiamme in montagna: un centinaio di persone sono state evacuate, in via precauzionale, a Givoletto, nel corso della notte. Il rogo è doloso

Ancora fiamme nella zona di Givoletto dove, da quattro giorno, vigili del fuoco e volontari dell’Aib sono alle prese con un grosso incendio che non sembra voler dar tregua ai boschi di questo spicchio della Valsusa. Il rogo, alimentato dal forte vento, ha ripreso forza questa mattina arrivando a minacciare il centro abitato.

UN CENTINAIO GLI EVACUATI
Un centinaio di persone sono state evacuate in via precauzionale nel corso della notte. Alcuni degli sfollati hanno trovato ospitalità presso parenti o amici, il resto è stato alloggiato negli spazi del Centro polivalente, a pochi passi dal Comune, dove è stata allestita una sala operativa e uno spazio di accoglienza.

POMPIERI E AIB AL LAVORO
Pompieri e volontari dell’Ainticendi boschivi (Aib), nel frattempo, continuano la loro lotta contro il fuoco per evitare che il fronte si allarghi ulteriormente: la scorsa notte le fiamme hanno scollinato, verso la zona boschiva di La Cassa.

L’INCENDIO E’ DOLOSO?
Intanto continuano le indagini dei carabinieri forestali per accertare la natura dell’incendio. Secondo gli investigatori, che durante un sopralluogo ai piedi del monte Baron avrebbero trovato almeno due inneschi (ma la notizia non sembra aver trovato ancora conferme ufficiali), potrebbe anche trattarsi di un incendio doloso.

CONDIVIDI
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
loop-single