fiamme fuoco ivrea
Cronaca
IVREA

La loro casa distrutta dal fuoco: una raccolta fondi per aiutarli

Pompieri sotto organico. Ieri un Labrador ha salvato la padrona dall’incendio

Una raccolta fondi per aiutare la famiglia la cui casa è stata distrutta dalle fiamme ad Ivrea, mentre i sindaci lamentano la scarsità di personale dei vigili del fuoco causa del ritardo nell’intervento sul rogo di via MiniereA proporre l’idea della raccolta di fondi per aiutare la famiglia Sensi è stato il Comitato Spontaneo per l’Ospedale di Ivrea e del Canavese che dalla propria pagina Facebook ha lanciato un appello: «Un incendio ha completamente distrutto ad Ivrea la casa di una famiglia di dipendenti dell’ospedale: si tratta di un tecnico di Radiologia e della moglie Ostetrica. Durante l’emergenza Covid abbiamo spesso elogiato il comportamento di questi operatori sanitari… è venuto il momento di dimostrare la nostra riconoscenza. Aiutiamo Beppe e Lia! Potete effettuare un versamento sul c/c del Comitato (Iban IT07V03268305490 52928411280) con causale “aiutiamo Beppe e Lia”». Il Sindaco di Ivrea, Stefano Sertoli, ha poi commentato l’accaduto deplorando il ritardo dei soccorsi. Un ritardo dovuto al fatto che ci sono pochi uomini e poche stazioni sul territorio e in questo periodo queste scarse risorse sono spesso impegnate e devono accorrere da ogni dove. Per questo pone la questione agli altri amministratori e alle istituzioni per aumentare le risorse anche umane del corpo. All’appello di Sertoli si sono uniti altri Sindaci dell’Eporediese. Intanto, ieri, una donna di 72 anni, ipovedente, è stata salvata dal proprio cane guida in piazza Pistoni a Ivrea. La pensionata stava facendo rientro a casa dove era appena divampato un incendio. Il cane, un esemplare di Labrador di nome Emma, si è accorto del pericolo e, anziché farsi sganciare dal guinzaglio, ha trascinato la donna verso la porta d’ingresso, fino al pianerottolo dove sono arrivati i vicini di casa. Sono stati loro a chiamare i vigili del fuoco.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo