IL FATTO

La Loggia, prima pietra per la nuova casa di riposo: tra un anno potrà ospitare 120 anziani

La struttura sorgerà tra via Po e via Gozzano e darà lavoro a circa 90 operatori

La Loggia. Posa della prima pietra per la nuova casa di riposo della città. La nuova struttura, su cui l’amministrazione sta lavorando da tempo, sarà realizzata da “Sereni Orizzonti”, gruppo friulano specializzato nella costruzione e gestione di residenze per anziani. Nel dicembre dello scorso anno, il Comune aveva dato il via alla recinzione di cantiere e dell’area di intervento dopo aver perfezionato una serie di accordi con il gestore.

Nello specifico, l’amministrazione aveva chiesto la realizzazione di un collegamento diretto tra la struttura e l’area verde antistante, al fine di aver massima interazione tra gli ospiti della casa di riposo, famigliari e i cittadini. La nuova struttura sorgerà tra via Po e via Gozzano. I lavori per la sua realizzazione dureranno circa 380 giorni e la residenza dovrebbe diventare operativa entro cinque mesi. L’edificio consisterà di quattro piani e sarà distribuito in sei nuclei distinti per un totale di 120 posti letto.

Al piano terra verranno collocati gli uffici amministrativi e la reception, una palestra per la riabilitazione, gli spogliatoi, servizi alla persona quali podologo e parrucchiere e un ambulatorio oltre a un soggiorno per la socializzazione e una sala per il culto. I piani superiori (primo, secondo e terzo) saranno invece collocate una sala da pranzo comune, i servizi igienici per gli ospiti e due nuclei da 20 posti letto suddivisi in dieci camere doppie dotate di bagno. Previsto anche un parcheggio di 19 posti.

«Si tratta di un’opera importante per la città, che ci darà una serie di servizi per quanto riguarda gli anziani a ora mancanti – spiega il sindaco, Domenico Romano -. La struttura avrà anche una ricaduta occupazionale importante per il territorio: è infatti prevista l’assunzione di almeno 90 operatori a cui andrà ad aggiungersi l’indotto relativo ai fornitori e ai servizi per la struttura stessa. Una grande opportunità per il territorio, in un momento di forte crisi occupazionale».

CONDIVIDI
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
loop-single