Liberi
News
MERCENASCO

La lite tra vicine finisce in rissa: condannate a restare in casa

Rinviato il processo di secondo grado previsto domani

Aggrediscono la vicina e il giudice li condanna a rimanere a casa.

Una sentenza che di questi tempi può sembrare singolare, perché comunque siamo invitati a stare già a casa per via dell’emergenza sanitaria. Ma un motivo c’è: risale infatti allo scorso giugno ma le persone colpite dal dispositivo hanno presentato un ricorso che avrebbe dovuto essere discusso domani. Tutto rinviato a causa della pandemia che comunque li obbligherà, colpevoli o meno che siano, a restare chiusi in casa lo stesso.

La lite tra vicini di casa risale addirittura al 18 maggio del 2012, e si svolse nel cortile di un gruppo di casa in via Nazionale a Mercenasco. Da una parte, secondo le accuse, Maurizio Italiano, 46 anni, sua moglie Roberta Borsa (i coniugi sono difesi dall’avvocato Alessandra Vecchietti), 44 anni, e la suocera Rosaria Castrovillari (avvocato Marco Stabile del foro di Ivrea), 74 anni, e dall’altra Maria Petrisor, 40 anni.

+++ CONTINUA A LEGGERE NEL GIORNALE IN EDICOLA OGGI +++

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

News
Vinci TorinoCronaca 2023
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo