Torino, scontri al corteo contro Casapound: feriti sei agenti
News
LA POLEMICA

La lettera della figlia di un carabiniere alla maestra: “Mentre auguravi a quei ragazzi la morte, a casa c’erano i loro bambini”

Il testo, rilanciato dal Cocer carabinieri, è diventato virale sui social

Sui social sta diventando virale la lettera scritta dalla figlia di un carabiniere alla maestra di Torino che ha minacciato di morte le forze dell’ordine nel corso della manifestazione antifascista nel capoluogo torinese. La lettera è stata rilanciata anche dal Cocer Carabinieri.

IL TESTO INTEGRALE:

Cara professoressa, ti parla la figlia di un appartenente alle forze dell’ordine. Tu che gli urli ‘dovete morire’, vedi ogni volta che mio padre si allaccia gli anfibi e si chiude il cinturone ho davvero paura che qualcuno lo faccia morire. Forse tu non sai cosa vuol dire”.

Tu non sai cosa vuol dire vivere di turni, vivere di imprevisti, di compleanni in cui nelle foto ci sono tutti: tranne lui. Del pranzo di Natale che diventava freddo a forza di aspettarlo. Del cuscino vuoto accanto a mia madre. Del freddo, del sonno, del sangue sulla strada, degli insulti che gente come te ogni giorno a chi indossa una divisa.

Cara professoressa hai mai provato ad accarezzare la stoffa della giacca di un poliziotto o di un carabiniere? Sai non è di un cotone morbido, non è il lusso che tutti credono che lo Stato regali a quegli uomini e a quelle donne in divisa.

Cara professoressa, tu sai che mentre auguravi a quei ragazzi la morte a casa c’erano i loro bambini che si erano appena addormentati che si aspettavano di vedere i loro papà il giorno dopo come tutti i giorni? Lo sai che c’erano madri, fidanzate e mogli che in quel preciso momento stavano pensando a loro? E stavano pensando se magari potevano avere troppo freddo là fuori? Non sono dei mostri come li dipingete. Ma sono persone. Le stesse persone che chiamate a tutte le ore se avete bisogno di aiuto, e loro anche se voi gli augurate le morte vengono ad aiutarvi: perché hanno giurato di esserci, e quella divisa che tanto odiate rappresenta anche questo“.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo