LA RICORRENZA A cinque anni dalla morte della donna

La figlia della Ceste ora rompe il silenzio. E “cancella” il papà

Lettera struggente di Elisa diffusa sui social: «Vorrei vederti un istante per darti un bacio»

«Vorrei vederti un solo istante per donarti quel bacio che non ti ho dato». Ma la sua mamma non c’è più dal 24 gennaio del 2014. Per mesi Elisa Buoninconti, che oggi ha 18 anni, l’ha attesa nella speranza di poterla riabbracciare. Speranza che si è rotta quando è stato trovato per caso il corpo di Elena Ceste, nove mesi dopo. I resti della donna erano sepolti nel fango ad appena un chilometro dalla villetta in cui viveva tutta la famiglia, a Costigliole d’Asti. Il 29 gennaio 2015 è stato arrestato il papà di Elisa, Michele Buoninconti. Per lui accuse pesantissime: omicidio volontario e occultamento di cadavere. La Cassazione ha confermato per Buoninconti la condanna a trent’anni di carcere. Per Elisa che quest’anno dovrà affrontare la maturità, il suo unico conforto sono stati i fratelli e i nonni materni. In questi giorni la giovane ha voluto dedicare una lettera a sua mamma che ha diffuso attraverso Instagram e che riporta la data della scomparsa di Elena Ceste. «Vorrei – scrive Elisa – per un solo istante ritrovare il tuo calore nella magia di un abbraccio, avvolgendomi nel profumo della tua pelle. Vorrei parlarti un solo istante per raccontarti il mio dolore. Vorrei ascoltarti un solo istante per consolare il mio cuore e assaporare attimi di infinito amore! Vorrei… vorrei… vorrei… ma tu mamma non puoi!».

+++ CONTINUA A LEGGERE NEL GIORNALE IN EDICOLA OGGI +++

CONDIVIDI
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
loop-single