negrita
Spettacolo
Dai Negrita a Cristina D’Avena, il programma

La febbre da Eurovision: 200 artisti al Valentino, pace e i diritti al centro

Seguendo l’esempio di Lisbona e Tel Aviv, anche Torino svilupperà all’Eurovillage temi diversi giornalmente

Dal rock all’hip-hop, passando per le hit della musica elettronica. L’Eurovillage promette 40 ore di concerti, oltre a momenti di riflessione e spettacoli. Il programma con i primi nomi degli ospiti è stato svelato ieri, ma nei prossimi giorni potrebbero saltare fuori nuovi nomi da aggiungere all’elenco. Non è forse un caso, ad esempio, che Manuel Agnelli sia stato visto in serata apparecchiato al Quadrilatero. Per il momento, sul palco del Valentino sono attesi i Negrita, la Bandakadabra, i Motel Connection, Roy PaciDavide Shorty e il The Sweet Life Society. Ma non è finita qui, nel giorno dell’inaugurazione del villaggio, sabato 7 maggio, alcuni artisti emergenti condivideranno il palco con grandi interpreti come il trio torinese techno-jazz Tun e il musicista australiano Dub Fx. Durante questa prima serata è in programma un continuo alternarsi di concerti e testimonianze contro la guerra. Seguendo l’esempio di Lisbona nel 2018 e in particolare di Tel Aviv nel 2019, l’Eurovision Village di Torino svilupperà una programmazione tematica giornaliera. Domenica 8 maggio sarà dedicata ai diritti e alla comunità Lgbtq+. Sul palco troveremo le Karma BElasi e Plastica Cristina D’Avena feat Gem Boy per oltre sei ore di concerti. «Con l’Eurovision Village intendiamo celebrare la musica nel rispetto dell’ambiente e valorizzare la forte vocazione artistica della città per animare e accendere i riflettori sul nostro territorio nel segno della Pace» commenta l’assessore alla Cultura Rosanna Purchia. Scorrendo il programma, lunedì 9 maggio, in occasione della giornata dell’Europa, troviamo alcuni momenti di riflessione sul significato assunto oggi dall’Ue in solidarietà con il popolo ucraino, attraverso un ricco palinsesto che alternerà artisti e musicisti (tra cui Melancholia Little Pieces of Marmelade, Legno Negrita). Si potrà inoltre assistere alla testimonianza di una giornalista ucraina, e agli interventi della vicepresidente del Parlamento europeo Pina Picierno e della Commissaria europea all’Uguaglianza Helena Dalli. Mercoledì 11 maggio sarà la volta del “Torino Calling day”. Una vera e propria chiamata alle arti per la comunità artistica torinese, capeggiata dalla Bandakadabra come backing band e una super crew hip hop, con oltre dieci tra i migliori giovani rapper del territorio e la straordinaria reunion dei Motel Connection. «Nello sviluppare la programmazione dell’Eurovision Village abbiamo voluto costruire un palco “glocale”, che unisse artisti provenienti da 40 paesi diversi a italiani e del territorio, includendo giovani, organizzatori, festival e le realtà culturali che animano la nostra città» sottolinea Francesco Astore, responsabile della programmazione culturale di Eurovision Village Torino. Venerdì 13 maggio sarà dedicato alla World Music. Anche in questo caso ci sarà una band torinese, la special family The Sweet Life Society accompagnata da nomi come Roy Paci, Davide Shorty e molti altri. Dalle 17 alle 20.30, tutti i giorni, sarà prevista la partecipazione di numerosi artisti e progetti del territorio come Pagella non solo Rock. Sui grandi schermi allestiti all’interno del parco, martedì 10, giovedì 12 e sabato 14 maggio si potrà assistere alla diretta delle semifinali e della finalissima di Eurovision Song Contest. «È un’occasione per rivivere l’atmosfera delle Olimpiadi del 2006» commenta nostalgico l’assessore ai Grandi Eventi Domenico Carretta.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Giubileo - Casa funeraria
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo