LA CONFESSIONE

La De Lellis su Iannone. «L’uomo giusto per me»

Tutto è nato da un tradimento e adesso Giulia De Lellis si trova ancora più ricca e famosa. Il suo primo libro ha già superato quota 100mila copie vendute. Ma quella è stata anche una pagina dolorosa nella vita dell’ex corteggiatrice di Uomini e Donne. Ancora di più se dovessero risultare vere le voci di gossip sparse una settimana fa da “Chi” che ha parlato di presunte corna doppie, con Belen Rodriguez che un anno e mezzo fa avrebbe tradito Andrea Iannone proprio con Andrea Damante, all’epoca compagno di Giulia. Voci, non certezze, ma intanto oggi la De Lellis fa proprio coppia con il pilota dell’Aprilia nel motomondiale e non sembra tutta una casualità.

Giulia, intervistata da “Diva e Donna”, ricostruisce adesso quel periodo: «Ora mi sento migliore perché innanzitutto ho riacquistato fiducia nell’essere umano, cosa che prima non mi riusciva più, ma non solo in amore, in generale. Sono cresciuta, ho placato le mie gelosie. Mi sono resa conto che avere una forte gelosia, quasi un’ossessione, non era un problema che proveniva da me, ma me lo portava chi avevo accanto». Ogni riferimento ad Andrea Damante e allo loro storia tormentata non è affatto casuale. Quei fatti l’hanno cambiata.

Ha cominciato a diventare più cinica e fredda, quei valori che fino ad allora le sembravano certezze hanno vacillato. Poi però è arrivato Iannone ed è cambiato di nuovo tutto: «Sono felice per tutto. Vita privata, lavorativa, crescita, cambiamento. Tutto. È stato qualcosa che non ho controllato, mi fido di lui. Io sono sempre serena con lui, anche quando va via per lavoro. Sono felice per lui, so che è appagato. Quando lui è felice lo sono anche io. Ho capito che è la mia persona. Al momento, ci godiamo il presente, ma a volte fantastichiamo sul futuro. Il mio sogno di sempre è diventare mamma».

Un progetto che, almeno a sentire lei, non rimarrà soltanto sulla carta anche se a 23 anni si sente ancora giovane per sistemarsi definitivamente. «Voglio un figlio da quando ho memoria, il mio sogno più grande è sempre stato quello di avere una famiglia. Lo desideravo anche prima, poi naturalmente ho detto “ok”, non avrò mai più una famiglia, non esistono questi valori in cui ho sempre creduto. Ma non è così: mi sbagliavo. Era solo una fase». Un figlio significa anche matrimonio? «Fantastichiamo, ma è ancora presto. Ora mi godo il presente, che è comunque bellissimo».

CONDIVIDI
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
loop-single