cultura quartieri
Cultura
IL FATTO

La cultura torna nei quartieri con un bando da 1,8 milioni

Il finanziamento di Mibac e Comune per riportare «le periferie al centro»

Se il colpo di grazia alla cultura in periferia si può dire l’abbia dato il Covid, facendo chiudere man mano tutte le attività “in presenza” fondamentali per teatro, musica e spettacolo, i pochi investimenti degli ultimi anni con finanziamenti pubblici avevano già avviato un processo di disgregazione di molte realtà amatoriali e non. Da qui alla fine dell’anno, però, si prevede un’iniezione da 1,8 milioni di euro per fare ripartire “progetti di attività a carattere professionale nel campo dello spettacolo dal vivo nelle aree cittadine periferiche” secondo quanto previsto da un accordo di programma tra Mibac e Comune che prevede il trasferimento di fondi a sostegno di iniziative finalizzate ad “finalizzati ad assicurare l’inclusione sociale, il riequilibrio territoriale e con essi la tutela occupazionale, nonché a valorizzare il patrimonio culturale materiale e immateriale nelle aree periferiche della città metropolitana di Torino “mediante attività di spettacolo anche di carattere innovativo”. I settori interessati sono teatro, musica, danza e circo contemporaneo e fra gli obiettivi del bando c’è anche quello di promuovere la capacità degli enti di fare rete fra di loro. Le domande devono essere presentate entro il 6 giugno e i progetti ammessi dovranno concludersi entro il 31 dicembre. Il bando si inserisce nell’ambito del progetto del Comune “Circoscrizioni al Centro” per una costruzione condivisa delle politiche culturali cittadine, al fine di incidere in maniera strutturale e diffusa su tutto il territorio, coinvolgendo in maniera diretta e attiva le circoscrizioni territoriali.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo