Ndrangheta e curva, ecco cosa scrivono i giudici nelle motivazioni della sentenza
Cronaca
Il club bianconero si è dato regole più ferree dopo l’emergere del caso

La commissione antimafia: “Bagarinaggio Juve gestito da ‘ndrangheta”

Il dossier parla di infiltrazioni malavitose nel sistema di vendita dei biglietti degli ultras bianconeri

I bagarini a Torino? Gestiti dalla ‘ndrangheta. Il dossier del “Comitato Mafia e manifestazioni sportive” della Commissione parlamentare antimafia, presieduto dal dem Marco Di Lello, è impietoso nelle sue conclusioni. “La ‘ndrangheta si è inserita come intermediaria e garante nell’ambito del fenomeno del bagarinaggio gestito dagli ultras della Juventus“, si legge nel documento illustrato oggi alla presenza della presidente dell’Antimafia Rosy Bindi. “Emerge un quadro molto preoccupante di infiltrazione ‘ndranghetista nei gruppi di tifosi organizzati della Juve, che deve suonare come qualcosa di più di un campanello di allarme non solo per la società torinese ma anche per tutte le altre squadre e per i rappresentanti delle istituzioni del calcio”.

LE PAROLE DI ROSY BINDI

Proprio la Bindi ha sottolineato il ruolo  del club bianconero: “Servirebbero più responsabilità e più consapevolezza. Quando la consapevolezza è maturata  la società si è data delle regole che la potranno rendere più forte, non dico immune”. Proprio oggi, intanto, un collaboratore di giustizia ha rivelato che la sua famiglia voleva aprire un bar nel nuovo stadio della Juve.

DI LELLO E LE SOLUZIONI

Quali soluzioni per questo increscioso fenomeno? Per Di Lello bisogna agire soprattutto sul Daspo: “Prevedendo termini di efficacia più severi e introducendo l’obbligo e non più la facoltà di imporre di presentarsi agli uffici di pubblica sicurezza nel corso delle manifestazioni sportive. Inoltre, valutando l’introduzione di misure, sul modello inglese, che consentano di trattenere temporaneamente soggetti in stato di fermo all’interno dello stadio, la tracciabilità dei flussi finanziari, il rafforzamento del sistema di monitoraggio sulle scommesse illegali, l’introduzione del reato di bagarinaggio”.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo