CascinaSarafia
News
MIRAFIORI L’abbandono del rudere di Corso Unione nel mirino dei residenti. Ma la riqualificazione è ancora al palo

«La cascina Scarafia è invasa dai ratti»

Dalla circoscrizione 2 spiegano: «La struttura è di proprietà privata e questo rende più difficile effettuare interventi»

Escrementi in terra, rifiuti sparsi qua e là, bottigliette per fumare la droga nascoste negli angoli e ora, di nuovo, anche i topi. La cascina Scarafia di corso Unione Sovietica, completamente abbandonata, è piombata da anni nel degrado più totale, con conseguenze poco felici per l’area circostante e in primis per l’istituto tecnico Primo Levi. I ratti, che per un po’ erano spariti, sono nuovamente tornati e si spingono fino all’adiacente scuola. E qualcuno, in istituto, non ha potuto non notarli.

«Alcuni professori – lamenta Davide Schirru, che due anni fa si fece promotore di una raccolta firme per chiedere un intervento immediato nella cascina – hanno inizialmente pensato che fossero scoiattoli, ma invece sono topi enormi. Si tratta di un fatto grave, anche perché la proprietà si era impegnata a fare costanti operazioni di derattizzazione ed eravamo anche venuti a conoscenza di un progetto di riammodernamento».

Progetto che però non è mai partito e chissà se e quando partirà. Da tempo l’ingresso è chiuso con catene e lucchetti, mentre due biglietti avvisano i passanti che il fabbricato è pericolante. All’interno, tra l’erba alta, c’è di tutto, compresi degli pneumatici, mentre la maggior parte dei vetri è rotta e le tegole vengono giù.

«Per quanto riguarda la riqualificazione, allo stato attuale è tutto fermo – afferma il vicepresidente della Due, Alessandro Nucera – perché bisogna prima interloquire con i proprietari della cascina. In passato era stata emessa un’ordinanza per obbligare i padroni ad effettuare la derattizzazione e ora li solleciteremo nuovamente. Abbiamo però avviato una serie di interventi con Amiat nelle aree limitrofe, come via Plava e via Monteponi».

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo