IL REPORTAGE

La casa delle sexy bambole ha riaperto a Borgo Vittoria

Nuova location per le LumiDolls. Per mezz’ora si pagano 80 euro

Kate è già lì che aspetta, distesa sul letto con le gambe divaricate. Capelli ricci, biondi e vaporosi, occhi azzurrissimi e inespressivi, è incapace di giudicare, perché inanimata, ma perfetta per assecondare. Indossa un completo di lingerie bianca e trasparente, calze autoreggenti. «Non ci sono limiti, bisogna solo fare attenzione alle dita delle mani che non sono molto resistenti e non si possono rimuovere i calzini che proteggono i piedi. Divertiti pure quanto vuoi, non sto a contare i minuti ma ricordati di mettere il preservativo, lì c’è la doccia, qui puoi scegliere un porno» spiega il ragazzo all’accoglienza, indicando un grosso monitor appeso al muro di fronte al letto. Il bordello delle bambole robot, le LumiDolls, ha riaperto i battenti. Le bambole al silicone sono di nuovo al lavoro, questa volta dalla parte opposta della città rispetto alla prima sede di via Onorato Vigliani.

+++ CONTINUA A LEGGERE IL GIORNALE IN EDICOLA OGGI +++

CONDIVIDI
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
loop-single