Massimiliano Allegri (foto @Depositphotos)
Sport
RIMONTA DA CHAMPIONS

Juve, svolta nel derby. Poi un mese d’oro con sei vittorie e zero gol

I numeri del veemente ritorno bianconero

Soltanto la sosta poteva fermare la corsa della Juve. Dal derby delle Mole in poi – correva il 15 ottobre scorso – i bianconeri non hanno più avuto rivali: sei vittorie in sei giornate, zero gol subiti, un’unità di squadra ritrovata e una condizione brillante, così Allegri ha vissuto un mese d’oro. Peccato per il disastroso percorso in Champions, con la squadra eliminata senza appello durante i gironi con cinque sconfitte su sei partite e una difesa colabrodo.

In campionato è una Juve tutta nuova. E lo confermano i numeri: nelle ultime sei giornate di serie A, soltanto il Napoli è riuscito a tenere il passo. O forse sarebbe meglio dire il contrario, visto che la formazione di Luciano Spalletti si è rivelata una macchina perfetta in questa prima parte di stagione. «Gli azzurri sono da soli al comando, ma noi possiamo puntare a fare un’ottima stagione», diceva Allegri subito dopo aver battuto la Lazio con un netto 3-0.

È il secondo big-match vinto nel giro di due settimane: prima dei biancocelesti era stata l’Inter a cadere allo Stadium. Così la Juve è riuscita a issarsi sul podio: «Un mese fa nessuno ci avrebbe creduto – il commento del tecnico bianconero – e anche io speravo di arrivare alla pausa con quattro o cinque punti di ritardo sulla quarta, invece abbiamo chiuso terzi».

Un traguardo importante, anzi un punto di partenza particolarmente interessante in vista di gennaio. In questo mese e mezzo di pausa per il Mondiale, infatti, alla Continassa si lavorerà principalmente sul recupero dei giocatori mancati a causa di infortuni più o meno lunghi. Il caso Pogba è quello più eclatante, tornato alla Juve a luglio e ancora con zero presenze a causa dei noti problemi al ginocchio; poi ci sono Di Maria e Paredes, a disposizione soltanto a corrente alternata, oltre a Chiesa, rientrato nelle ultime settimane dopo uno stop che durava da gennaio.

«Questa sosta ci voleva, avevamo troppi giocatori con il punto interrogativo – la riflessione sulla pausa per la kermesse in Qatar – e avremo il tempo per recuperare le energie, oltre a testare le condizioni di Chiesa e Pogba e valutare come torneranno quelli del Mondiale». Per rivedere un gruppo nutrito agli ordini di Allegri bisognerà aspettare il prossimo 6 dicembre. Da lì in poi, comincerà la vera missione rimonta in ottica scudetto, con il primo appuntamento del nuovo anno fissato a Cremona il prossimo 4 gennaio.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo