Dusan Vlahovic (Depositphotos)
Sport
RISCATTO BIANCONERO

Una Juve alla serba cala il tris al Bologna: ora sotto col Maccabi

Torna il sorriso dopo le ultime apparizioni stagionali. La Juventus – contestata da un gruppo di tifosi davanti al J Hotel prima della partita – ha battuto il Bologna per 3-0 nella gara dell’ottava giornata di Serie A all’Allianz Stadium di Torino. I bianconeri di Massimiliano Allegri hanno così interrotto un digiuno di cinque partite (due pareggi e tre sconfitte) tra campionato e Champions League. Per il Bologna, invece, secondo ko consecutivo dall’avvento di Thiago Motta sulla panchina rossoblù. Il duo serbo Vlahovic-Kostic a confezionare il gol del vantaggio: su una palla rubata da Milik a Sansone, è stato Vlahovic a impadronirsi della sfera e a servire sulla sinistra il connazionale che, con un diagonale da dentro l’area, ha messo la palla alle spalle di Skorupski. Per l’ex Eintracht Francoforte, si è trattato della prima segnatura da quando è in Italia con la maglia della Juventus. Primo tempo comunque avaro di emozioni ma Juve vicina al raddoppio al 30° con una girata al volo di Milik respinta da Skorupski e Bologna che due minuti più tardi ci ha provato con una bordata da fuori su punizione di Lykogiannis finita di poco sopra la traversa. Uno-due micidiale della Juventus che nel secondo tempo ha chiuso la pratica prima con Vlahovic e poi con Milik a ridosso del quarto d’ora: il serbo al 14° ha finalizzato un’azione corale con un colpo di testa su cross dalla destra di McKennie, mentre il secondo al 17° ha trovato un gran gol al volo di sinistro su assist del neo entrato Cuadrado. Padroni di casa vicini al poker al 26°, quando un colpo di testa di Bonucci sugli sviluppi di un corner battuto da Paredes si è stampato sul palo alla destra di Skorupski. Il resto del match è stata solo “accademia” e sostituzioni. Una vittoria netta dunque per i bianconeri, che ritrovano finalmente la luce in fondo al tunnel, dopo le ultime prestazioni da dimenticare. Dopo questo successo, Allegri potrà pensare più liberamente al prossimo impegno in Champions contro il Maccabi, dove sarà necessario fare 3 punti per tornare in corsa.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo