Torino coach Ivan Juric gestures during the italian Serie A soccer match Torino FC vs Empoli FC at the Olimpico Grande Torino in Turin, Italy, 2 december 2021 ANSA/ALESSANDRO DI MARCO
Sport
SERIE A

Juric, quanti rimpianti: «Stagione magnifica senza i gol nei finali»

Alla vigilia del Genoa tiene banco ancora l’Inter

Le scorie della beffa contro l’Inter sono rimaste, Ivan Juric lo ammette senza tanti giri di parole. «È stato devastante non vincere dopo una partita così» le parole dell’allenatore mentre ripensa all’1-1 di domenica scorsa allo stadio Olimpico Grande Torino. E non riesce a mandare giù nemmeno il boccone amaro del rigore negato dall’arbitro Guida e dal Var Massa: «Nessuno ci ha dato spiegazioni – risponde sconsolato il croato sull’episodio Ranocchia-Belotti – e non so se abbiamo raggiunto il limite per le sviste, che vi devo dire…». Ma c’è da archiviare l’amarezza, anche perché questa sera ci sarà la sfida contro il Genoa: il Toro cerca una vittoria che manca da sette gare di fila, lo scorso 15 gennaio i granata espugnarono proprio Marassi battendo la Sampdoria. È dal Ferraris che Belotti e compagni vogliono ritrovare i tre punti.

Juric, che settimana è stata?
«Siamo consapevoli di aver fatto una grande partita, ma ancora una volta ci è girata male. Dobbiamo crescere e migliorare, devono essere questi gli stimoli per il finale di stagione. E poi ci manca ancora qualche punto per conquistare la salvezza».

In generale, che bilancio dà fino a questo momento del campionato?
«Posso dire che questa squadra non ha mai dormito, anzi ha sempre dimostrato di voler fare le partite giuste e di non scendere mai di atteggiamento. Purtroppo abbiamo perso troppi punti negli ultimissimi minuti, sarebbe potuta essere un’annata magnifica. Il calcio è così, dobbiamo accettarlo e andare avanti. Sicuramente abbiamo fatto più di quanto mi sarei aspettato ad inizio stagione».

Emozionato nel tornare a Genova per sfidare il suo passato?
«Ormai ci sono abituato, è passato tanto tempo. E dovremo fare grande attenzione al Genoa: da gennaio in avanti hanno cambiato il loro modo di essere e stanno conquistando tanti pareggi, ci aspetta una partita tosta e difficile».

Venendo alla formazione, ci saranno Berisha e Izzo nell’undici di partenza?
«Il portiere sicuramente gioca, ci sarà lui tra i pali. Il difensore non ha mai sbagliato un allenamento, a prescindere dalle mie scelte tecniche. Djidji non sarà a disposizione, Izzo è in concorrenza per una maglia da titolare».

Perché Pjaca non sta più trovando spazio?
«Non deve sorprendere se non sta giocando: sono in due per un solo posto, Brekalo in questo periodo facendo bene e gli manca solo il gol. In ogni caso, Pjaca sta bene, mentre Pellegri sarà indisponibile».

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo