Italy Training Session and Press Conference - UEFA Euro 2020: Group A
Sport
LA CARICA DI MANCINI

Italia, Spagna ultimo ostacolo per la finale: «Arriviamo in fondo»

L’obiettivo dopo la vittoria contro l’Austria era quello di ritornare a Wembley. L’Italia targata Mancini ci è riuscita mettendo sotto i numeri uno del ranking Fifa, il Belgio. Stasera c’è un altro ostacolo probante, la Spagna, da superare nella fantastica cornice del Tempio del calcio per antonomasia per arrivare a giocarsi la finale di Euro2020: «Cosa mi intriga di questa partita? Se riusciamo a vincere andiamo in finale, questo mi intriga – ha detto il ct Mancini -. Sarà una partita difficile come quella contro il Belgio anche se le due squadre hanno un gioco diverso e dunque dobbiamo prepararci ad altre difficoltà. La Spagna è una squadra straordinaria con un allenatore bravissimo e non perché ha vinto grandi trofei, ma perché tutte le sue formazioni giocano bene a calcio».

Il ct ammette che un po’ di tensione si sente («è il bello di queste sfide») e rimpiange l’assenza di tifosi provenienti dall’Italia: «È meglio giocare in uno stadio pieno piuttosto che davanti a poche persone – ha sottolineato – perché credo sia il bello del calcio come di ogni spettacolo. Ma trovo molto ingiusto che non ci siano metà tifosi italiani e metà spagnoli sugli spalti».

Vincendo l’Italia allungherebbe a 33 la striscia di risultati utili consecutivi insidiando il record detenuto proprio dalla Spagna, che dal 2007 al 2009 rimase imbattuta per 35 partite: «Loro hanno nel Dna il gioco palla a terra – ha sottolineato – con tanti tocchi, da sempre. In questo sono più avanti di noi. Sono due squadre che giocano bene, sarà una partita divertente. Quante possibilità abbiamo di andare in finale? Il 50%».

L’infortunio di Spinazzola non permetterà al ct di riproporre la stessa formazione che venerdì a Monaco di Baviera ha mandato al tappeto il Belgio, ma gli azzurri chiamati in causa finora hanno confermato sul campo che in questa Nazionale sono tutti protagonisti. Compreso Ciro Immobile, che dopo i gol messi a segno contro Turchia e Svizzera è stato criticato per l’ultima prestazione con il Belgio«Mi sembra sia ancora la Scarpa d’Oro – ha attaccato Mancini – e mi pare che sia uno degli attaccanti che ha fatto più gol in questi ultimi anni. In queste competizioni capita spesso che chi viene criticato poi alla fine risolva una partita o il torneo: per questo siamo abbastanza tranquilli». Uno degli uomini spogliatoio della nazionale, infine, è il capo delegazione Gianluca Vialli: «Con Vialli ci conosciamo da molto tempo. È come avere un fratello, ma capita con tutti quelli che hanno giocato in quella Samp. Ma è stato un rapporto ottimo con tutto il gruppo. Quando c’è un buon rapporto tra tutti ci sono condizioni ottimali per stare insieme. Il rapporto che si è creato tra noi e i ragazzi è ottimo: vogliamo restare insieme fino alla fine e per questo servirà una grande partita contro la Spagna».

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo