valentina bergamaschi (Depositphotos)
Sport
GROSSO RISCHIO ALL’EURO

Italia, pari in rimonta: il gol di Bergamaschi tiene a galla le azzurre

Italia, pareggio con brivido ad Euro2022. Dopo la sconfitta per 5-1 subita a opera della Francia, arriva il pareggio per 1-1 contro l’Islanda al Manchester City Academy Stadium. Non riesce a decollare l’Italia agli Europei in corso in Inghilterra, anche se l’accesso ai quarti di finale non è compromesso. Sarà decisiva la sfida di lunedì alle ore 21 contro il Belgio. Milena Bertolini ha inserito nell’undici titolare i cinque cambi del match contro la Francia, lasciando in panchina Bonansea e Girelli. Le islandesi sono passate in vantaggio già al 3°, con una rimessa laterale lunga, che Gama non è riuscita ad allontanare, permettendo a Vilhjalmsdottir di battere Giuliano con un bel destro. All’8’ ci ha provato anche Gunnarsdottir, su azione di corner, e ha calciato di poco sopra la traversa. Le azzurre hanno cercato di reagire con Piemonte all’11°, senza trovare la porta, e al quarto d’ora con Giacinti, che, su cross di Bergamaschi non si è coordinata bene. Il portiere ha chiuso la strada a Caruso al 20° e tre minuti dopo, su palla persa da Boattin al limite dell’area, Jonsdottir ha sfiorato il palo. Al 30° Giacinti ha tirato malamente su una sponda di Piemonte, poi più nulla fino all’intervallo. Il secondo tempo è scattato con Bonansea al posto di Caruso e al 51° Girelli ha rilevato Piemonte. Al 61° Joansdottir ha dilapidato un gol quasi fatto, concludendo a lato da un paio di metri dalla linea di porta. Ancora un giro d’orologio e Bonansea è andata via sulla fascia e ha servito al centro Bergamaschi, che ha insaccato il pareggio. La juventina ha costretto Sigurdadottir alla parata al 69° e al 73°, su contropiede, ha ricevuto a centro area e ha timbrato il palo. Nel finale l’Islanda ha sfiorato la rete in due occasioni. «Per tutta la partita – commenta Bertolini – ho rivisto le mie ragazze, che sono state brave a reagire al gol a freddo, grazie al lavoro collettivo della squadra. Ora è tutto nelle nostre mani. Sappiamo che dobbiamo fare almeno quattro punti per passare il girone». Nella ripresa l’ingresso di Bonansea si è fatto sentire. «Penso che sia stata una partita molto fisica – spiega la bianconera – ed era importante non perdere. Siamo ancora qui e ce la giochiamo. Io migliore in campo? Sono contenta di aver dato una mano alla squadra, l’importante è passare il turno. Oggi si è vista la nostra determinazione. Forse siamo state un po’ frettolose, ma siamo state brave nel continuare a crederci». Soddisfatta anche Lucia Di Guglielmo: «Sono felice per la prestazione della squadra e per aver dato il mio contributo. Abbiamo dimostrato che è questa la vera Italia. Sapevamo che avevamo tempo a disposizione, non dovevamo andare all’arrembaggio, ce lo siamo ripetute nello spogliatoio e abbiamo cercato di portarlo in campo».

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo