mancini italia giornale
Sport
A CACCIA DI CONFERME

Italia, esame Svizzera: «Giochiamo con gioia per una grande partita»

Resettare tutto e ripartire con grande umiltà. Stasera l’Italia di Roberto Mancini affronterà la Svizzera per la seconda giornata del Girone A. In caso di vittoria all’Olimpico sarebbe matematico il passaggio del turno e il primo posto del girone. «Si gioca un Europeo, serve gioia, allegria, dobbiamo essere felici di fare quel che facevamo da bambini – ha detto Mancini -. Più felici di così non possiamo essere, dobbiamo far felici i tifosi. «La Svizzera – ha detto il ct alla vigilia – è una Nazionale che storicamente ci ha messo sempre in difficoltà, con un allenatore che conosce benissimo il calcio italiano: c’è un motivo se da anni è stabilmente tra le prime 15 posizioni del Ranking Fifa… Dovremo fare una partita quasi perfetta per centrare il risultato pieno».

«Una Nazionale che merita assoluto rispetto e che ha un’identità di gioco ben precisa. Soprattutto in avanti può contare su giocatori che possono decidere la sfida in qualsiasi momento», ha detto il vice-capitano azzurro Leonardo Bonucci«Non vediamo l’ora – ha sottolineato il difensore della Nazionale -di scendere in campo. Faccio parte di un gruppo fantastico e questa è una squadra coesa, dove tutti remano dalla stessa parte: i risultati che ne sono venuti fuori sono una conseguenza di questo grande affiatamento. Più volte, dopo il successo sulla Turchia, ci siamo ripetuti che l’umiltà è il segreto per effettuare delle grandi prestazioni. Sono sicuro che questa squadra sarà capace di resettare quanto di buono fatto all’esordio e di ripartire. E sono sicuro che farà così fino alla fine dell’Europeo».

Intanto gli azzurri si presentano con dei numeri importanti. Contro la Turchia sono arrivati il ventottesimo risultato utile consecutivo e la nona vittoria di fila : numeri straordinari e una striscia che Mancini – nel mirino c’è il record di Vittorio Pozzo – vuole continuare ad allungare: «La nostra – ha commentato il commissario tecnico – è una squadra fatta da tutti titolari. Se ci sarà qualche cambiamento e qualche nuovo innesto rispetto alla sfida di venerdì, non cambierà certamente la qualità in campo. Un calciatore al posto di un altro non modificherà il nostro modo di giocare e di approcciarsi all’incontro. Verratti sta lavorando bene e sono tre giorni che si allena in gruppo: valuteremo se verrà con noi in panchina. Shaqiri? L’ho allenato all’Inter e posso solo confermare che sia una delle mezze punte più forti in tutta Europa».

«Se siamo favoriti? Se lo dicono i bookmakers inglesi – ha concluso il ct Mancini con una battuta – lo accettiamo perché lo azzeccano, ma il campionato è ancora lungo». A Wembley mancano ancora sei partite, diceva Mancini dopo la Turchia. Avanti la prossima.

Condividi sui social:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo