Ferruccio
Cronaca
IL FATTO

Investito in bici in vacanza. Muore il don della Consolata

Il tragico incidente è avvenuto ieri mattina in provincia di Venezia

Ancora un tragico incidente a un torinese in vacanza. Questa volta è successo in Veneto, dove a perdere la vita è stato don Ferruccio Gambaletta, 79 anni, parroco in pensione ed ex confessore della Consolata, conosciuto per aver celebrato messa anche al santuario di strada Val San Martino.

È successo ieri mattina nel centro di Ca’ Savio, una frazione di Cavallino-Treporti, in provincia di Venezia. Secondo quanto è stato ricostruito, l’anziano parroco torinese stava trascorrendo un periodo di vacanza nella casa di famiglia, da cui ieri mattina era uscito in sella alla sua bici per una passeggiata e qualche commissione. Don Ferruccio era in una piccola strada laterale, via Concordia, e aveva intenzione di immettersi in quella principale, via Fausta. Purtroppo, proprio in quel momento è sopraggiunta una automobile condotta da un 75enne che stava arrivando da Punta Sabbioni. L’impatto è avvenuto proprio a pochi passi dal municipio: il ciclista si è schiantato contro la fiancata sinistra dell’auto ed è rovinato a terra.

Le sue condizioni sono appare subito molto gravi. Sul posto è arrivata un’ambulanza del Suem e i sanitari hanno provato a lungo a praticargli un massaggio cardiaco per rianimarlo ma purtroppo non c’è stato nulla da fare: nonostante i disperati tentativi il cuore dell’anziano parroco torinese non è mai ripartito.

Sul posto sono sopraggiunti anche gli agenti della polizia locale, prima per bloccare il traffico per consentire i soccorsi alla vittima e poi per i rilievi del caso e la ricostruzione della dinamica e delle cause dell’accaduto, in particolare di chi tra ciclista e automobilista non ha rispettato la precedenza. L’incrocio infatti non è regolato da impianto semaforico ma c’è uno stop per chi arriva da via Concordia. La prima ipotesi quindi è che il parroco si sia immesso in strada senza avvedersi dell’arrivo dell’auto o calcolando male i tempi dopo essersi fermato allo Stop.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo