Schermata 2017-08-11 alle 21.16.47
Spettacolo
La giovane artista spiega i suoi progetti

INTERVISTA. Chiara Doria e le Peak Avenue: «Molto più di una girl band…»

A tu per tu con la cantante torinese nata dai concorsi di bellezza

Bellissima e determinata, Chiara Doria nasce a Torino nel 1993. Din da piccola si divide tra lo studio e il mondo dello spettacolo. Dopo la partecipazione ad “Una Ragazza per il Cinema” e ad altri concorsi di bellezza, quest’anno Chiara entra a far parte delle Peak Avenue, una neonata girl band composta da quattro bellissime ragazze unite dall’amore per la musica.

Quando e perché ha deciso di iniziare una carriera nel mondo dello spettacolo?

«Da ragazzina amavo “High School Musical” e tutti i film per adolescenti inerenti al canto. C’è stato un momento in cui ho capito che non li guardavo con gli occhi di chi ama la televisione, ma di chi voleva essere al posto degli attori e vivere quei momenti sul set. Sono sempre stata una sognatrice, fin da piccola mi dicevano che vivevo nel mio mondo, nel mondo delle favole dove era tutto magico, ma che il mondo reale non era così. Io non ci ho mai creduto, e ho sempre cercato di realizzare i miei sogni».

Seppur giovanissima, ha già collezionato numerose vittorie in concorsi di bellezza e, parallelamente, si è laureata. Come ha fatto a conciliare il lavoro con lo studio?

«Al liceo subivo spesso critiche distruttive e atteggiamenti pesanti dai cosiddetti haters. La mia fortuna è sempre stata quella di avere un carattere per cui le cattiverie non mi abbattono, al contrario, mi danno la forza di dimostrare che quello che voglio e in cui credo con tutto il cuore prima o poi lo otterrò».

Di recente ha intrapreso la carriera di cantante, diventando una delle inter- preti di Peak Avenue, una nuova girl band made in Torino.

«Quando il nostro produttore ci ha riunite per darci la bella notizia non potevo crederci. Quattro ragazze con lo sguardo fisso nel vuoto, gli occhi spalancati e la bocca aperta. Due minuti di silenzio per realizzare. Ma non sono bastati, dopo due ore mi sembrava che non fosse successo davvero. Ci potete seguire sulla nostra pagina ufficiale Facebook “Peak Avenue”».

Quattro ragazze bellissime, una sola passione. Non c’è rivalità tra voi?

«No, tra noi non c’è nessuna rivalità, quando ci conoscere- te capirete il perché».

Com’è nato questo progetto e a cosa si deve il suo nome?

«Il progetto è nato da un’idea di Alma, riunire quattro ragazze un po’ fuori dagli schemi in un unica realtà, chiamata Peak Avenue. Il nome nasce dal luogo che ci ha riunite».

Tra tanto lavoro, trova il tempo per l’amore?

«Quando l’amore troverà me io troverò il tempo per lui. Credo fermamente nella forza dell’amore».

Cosa deve fare un uomo per poterla conquistare?

«Cosa deve fare un uomo per conquistarmi? Se mi fa ridere mi ha conquistato per metà».

Come si immagina tra dieci anni?

«Non vorrei avere aspettative ma spero che la realtà superi l’immaginazione come ha fatto quest’anno. Vorrei avere una famiglia, una figlia che chiamerò Luce».

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo