Torino, truffa anziana e si fa dare 130mila euro: arrestato
News
E’ successo a Torino

Interpreta decine di personaggi e “ruba” 130mila euro all’anziana: preso il maestro della truffa [IL VIDEO]

Telefonava alla vittima fingendosi, di volta in volta, giudice, vigile, finanziere nonché funzionario di Equitalia e la costringeva a pagare multe in realtà inesistenti

In quasi due anni (da marzo 2015 a dicembre del 2017) era riuscito a farsi consegnare da una anziana di 80 anni, la bellezza di 130mila euro. E’ successo a Torino, dove un uomo di 43 anni, Alessandro Gallitelli, residente a Rivoli, ha architettato una truffa ai danni di una donna: prima le ha fatto credere di aver installato a casa sua un antifurto innovativo e non ancora sul mercato, poi, per dare più forza al suo “progetto criminale”, le telefonava fingendosi, di volta in volta, un giudice, poi la segretaria del giudice, un comandante dei vigili urbani o della guardia di finanza nonché un funzionario di Equitalia.

LA TRUFFA NELLA TRUFFA
La pressava in tal modo esortandola a pagare multe inesistenti per non incappare in guai peggiori – pignoramenti e altro – con la giustizia. Gallitelli infatti aveva fatto credere all’anziana che proprio a causa dell’installazione del “super antifurto” era stato multato dai vigili urbani per presunte irregolarità amministrative del dispositivo e poi, a seguito di un’infrazione al codice della strada, in realtà mai commessa dalla donna, la vittima avrebbe dovuto pagare un’ingente somma di denaro a causa degli interessi moratori sopraggiunti. L’uomo, in poche parole, aveva avviato una truffa nella truffa.

LA DONNA LO DENUNCIA
In tal modo, era riuscito a farsi consegnare dalla malcapitata un vero e proprio “tesoretto”. Inutile aggiungere che gli importi delle fantomatiche multe finivano dritti dritti nelle sue tasche. La donna, alla fine, ha sporto denuncia ai carabinieri e l’uomo è stato arrestato al termine di un’indagine durata quattro mesi. Gallitelli è sospettato di aver raggirato anche altre donne anziane a Torino e provincia.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo