pioggia neve meteo giornale
Buonanotte
EDITORIALE DEL GIORNO

Inondazioni storiche

La seconda inondazione di San Marcello, anche chiamata in basso sassone prima “Grote Mandrenke” (in italiano, la “grande affogatrice di uomini”) tra il 15 e il 16 gennaio 1362 interessò le zone costiere del Mare del Nord con una mareggiata che colpì le coste degli attuali Paesi Bassi, Germania, Danimarca, Regno Unito e Irlanda. Essa causò l’allagamento di vasti territori e la morte di un numero stimato tra 11mila e 25mila persone, anche se alcuni cronisti parlano di 100mila morti. Le prime avvisaglie del fortunale si ebbero in Irlanda, in particolare a Dublino, dove numerosi edifici furono devastati dai forti venti. Poi la tempesta si spostò nel sud dell’Inghilterra abbattendo migliaia di alberi. Gli edifici più alti, in particolare le chiese, riportarono i maggiori danni: tetti, campanili e guglie furono abbattuti dalle raffiche. Una volta attraversato il Mare del Nord, la tempesta investì le isole e la costa del nord Europa con una marea che raggiunse i 2,4 metri, superando agevolmente le dighe. La forza della mareggiata sull’isola di Strand distrusse la città principale di Rungholt, i resti della quale furono individuati solo nel XX secolo. Gli amanuensi arcobaleno dell’epoca consegnarono queste memorie ai manoscritti perché Wikipedia ne potesse parlare 8 secoli dopo. Ne indicarono la causa nel clima impazzito per i peti dei ruminanti e per l’eccessiva industrializzazione del mondo allora conosciuto. In particolare all’introduzione dei mulini a vento che deviavano l’aria, e ai fabbri che la inquinavano con le loro forge a carbone. Riporto questi dati storici con il massimo rispetto per le vittime dell’attuale inondazione nella Germania del nord.
collino@cronacaqui.it

Condividi sui social:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

Scopri inoltre...

Buonanotte
EDITORIALE DEL GIORNO
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo