Premier League (Depositphotos)
Sport
Il confronto con la Premier League

Ingaggi e perdita di competitività del calcio italiano nel panorama europeo

Dal Manchester City al Liverpool: stipendi oggi inimmaginabili in Serie A

Quando si parla di top club a livello europeo, è doveroso dare la giusta considerazione al campionato di Premier League. Non a caso durante gli ultimi anni sono state proprio le formazioni inglesi, appartenenti al campionato di massima divisione a dominare anche in Europa. Parliamo di club come il Chelsea e il Liverpool, naturalmente, ma anche del Manchester City di Pep Guardiola, che nonostante abbia perso la finale due anni fa proprio contro i Blues, rimane una delle formazioni più forti e in lizza per conquistare la sua prima Champions League, durante l’edizione in corso per la stagione 2022-2023. Ora, malgrado ai Citizens sia mancata la più prestigiosa vittoria in campo europeo, per quanto riguarda il campionato inglese, la formazione guidata da Guardiola ha vinto 6 volte la Premier dal 2012 a oggi. Bisogna però ricordare come in questo periodo gli investimenti per il club sono stati davvero importanti, tanto che già da qualche tempo il City vanta un monte ingaggi di primo piano, appena dietro rispetto al Real Madrid dei tempi d’oro e all’attuale PSG che domina questa speciale e peculiare classifica.

Gli stipendi dei calciatori in rosa per il City di Guardiola

In Italia da questo punto di vista, siamo in una fase di flessione dopo i fasti degli anni 80 e 90, quando il bel paese era la meta preferita anche per il tipo di ingaggi che il calcio italiano riusciva ad elargire, anche le scommesse Italia rispetto al comparto di altri paesi è in netta flessione. Demerito di congiunture non solo economiche ma anche a dissennate politiche di rappresaglia nei confronti del calcio inteso come business che comprende un indotto che va dal marketing al turismo sportivo, passando per le scommesse e le sponsorizzazioni. Anche per quanto riguarda il discorso legato degli stipendi dei calciatori il nostro paese ha perso di competitività. Seguono poi in classifica l’attaccante norvegese Erling Haaland, il neo-acquisto voluto dalla dirigenza, che di fatto ha scombinato l’assetto di gioco di Guardiola, ma che ha portato maggior peso e valore all’attacco del City. Le sue prestazioni sono state valutate per 19,5 milioni di sterline inglesi a stagione. Un po’ staccato rispetto ad Haaland è invece il compenso del suo compagno di squadra Jack Grealish, con 15,6 milioni di sterline. Gli stipendi che superano però i dieci milioni, non finiscono qui. Ci sono infatti anche John Stones e Rodrigo Hernandez Cascante, entrambi sopra il tetto dei 10 milioni di sterline a stagione. Anche sulla sponda United, gli il monte ingaggi risulta essere piuttosto elevato, per via della presenza di calciatori come Cristiano Ronaldo e il portiere spagnolo David De Gea. Infatti se CR7 risultava per la stagione 2021-2022 il calciatore più pagato in Premier League, il portiere dello United era al terzo posto con 23,30 milioni di sterline. Ancora due giocatori dello United figurano tra i primi posti, in termini di stipendi per la stagione passato. Si tratta di Jadon Sancho e di Raphael Varane, entrambi sopra i 20 milioni di sterline.

Gli stipendi delle altre big: dal Chelsea al Liverpool di Jurgen Klopp

Lo scorso anno, nonostante una stagione non certo memorabile, Romelu Lukaku è stato pagato dal Chelsea 20,30 milioni di sterline, mentre quest’anno è tornato a vestire la maglia dell’Inter di Inzaghi, percependo però uno stipendio molto più basso, ma elevato per la nostra serie A, di 8,5 milioni di euro netti annui. Sempre per quanto riguarda il Chelsea, ma per la rosa della stagione in corso, il calciatore più pagato è Raheem Sterling, con 9,3 milioni di sterline, seguito dal difensore senegalese ex Napoli, Kalidou Koulibaly, che raggiunge quota 8,44 milioni netti. Ci sono poi Kantè e James, entrambi sopra quota 6 milioni, mentre superano i cinque milioni ingaggio anche Cucurella, Azpilicueta, Fofana e Chilwell. Per il Liverpool invece vediamo come vi siano ben sette calciatori in rosa, il cui stipendio supera i 10 milioni di sterline nette all’anno. Si tratta di Salah, il più pagato dai Reds, con 21,2 milioni annui, Van Dijk con 13,3, Thiago Alcantara con 12,1, Alexander-Arnold con 10,9 e con la stessa cifra anche Firmino, Fabinho e Nunez. Un gradino sotto i dieci milioni di sterline è invece il compenso di Allison e quello di Henderson arriva a quota 8,5. Chiudono la classifica tra i più pagati del club Milner e Robertson, con 3,3 e 3 milioni di sterline nette all’anno di stipendio.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo