Edda Basso, morta a 87 anni venerdì 25 ottobre dopo una caduta mentre attraversava corso Brescia sulle strisce pedonali
News
IL CASO

Inciampa in un tombino e muore: il Comune finisce sotto inchiesta

Indagato un funzionario di Palazzo Civico: «Ma la colpa non è nostra»

Un funzionario del Comune di Torino è stato iscritto sul registro degli indagati nell’ambito dell’inchiesta sulla tragedia di Edda Basso, morta a 87 anni venerdì 25 ottobre dopo una caduta mentre attraversava corso Brescia sulle strisce pedonali. Basso stava tornando a casa dopo aver salutato il figlio che adesso è assistito dall’avvocato civilista Luca Valgiusti e dal penalista Federico Rosso. E, stando a quanto ricostruito dalla polizia municipale che effettuò i rilievi, sarebbe inciampata in un tombino che si trova a un paio di metri dal marciapiede, battendo violentemente la testa sull’asfalto. Trasportata al pronto soccorso dell’ospedale Giovanni Bosco, si è spenta un paio d’ore più tardi.

L’autopsia ha stabilito che la causa del decesso è stata sicuramente il trauma (lesioni cranico-encefaliche, conseguenti alla caduta accidentale), ma il medico legale ha evitato di esprimersi sulle ragioni che hanno causato la caduta.

+++ CONTINUA A LEGGERE NEL GIORNALE IN EDICOLA OGGI +++

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo