SAN RAFFAELE CIMENA

Incendio distrugge la cascina. Una famiglia salvata dal cane

Kira ha abbaiato e ha svegliato padre, madre e figlio

Se il cane Kira non avesse abbaiato, la scorsa notte in un cascinale in via Trotta a San Raffaele Cimena, sarebbe andata in scena una tragedia, con tre persone che avrebbero seriamente rischiato di morire. E invece è stato proprio il quattrozampe a svegliare una coppia di pensionati di 78 e 76 anni e il figlio di 40 anni, che vive nell’altra porzione di cascina. I genitori sono subito scesi in cortile e hanno svegliato il figlio, con quest’ultimo che ha chiamato i mezzi di soccorso quando erano da poco passate le tre della notte.

La scena che si è presentata davanti agli occhi dei soccorritori era da film: il fumo grigio e le fiamme alte che, minuto dopo minuto, avvolgevano la cascina per la disperazione dei proprietari. Sul posto, nell’arco di poco tempo, sono arrivati i pompieri dei distaccamenti di Torino, Chivasso, Volpiano e San Maurizio Canavese. Solo dopo diverse ore i vigili del fuoco sono riusciti a domare le fiamme, giudicando inagibile la porzione di cascina abitata dalla coppia di pensionati, che per le prossime notti dovranno dormire nell’ala occupata dal figlio. Le fiamme hanno distrutto non solo il tetto del cascinale ma anche una buona parte dei locali interni, portando così i pompieri a transennarla per evitarne l’accesso.

Secondo una prima e sommaria ricostruzione dell’episodio, l’incendio sarebbe da addebitare a un corto circuito della batteria dell’auto che era parcheggiata nella rimessa esterna, in una zona dove i proprietari stipavano del legname.

«Per fortuna che Kira, il nostro pastore tedesco, ci ha svegliati con il suo continuo abbaiare. Sulle prime pensavamo fossero i ladri. Poi ci siamo alzati e abbiamo sentito un forte odore di bruciato e così siamo scesi in cortile. Non ci potrà mai essere modo per poterla ringraziare a dovere», ha detto la coppia ai carabinieri e ai vigili del fuoco. Nessuna delle tre persone è dovuta ricorrere alle cure mediche ospedaliere, anche se l’equipe medica del 118 li ha controllati sul posto a scopo precauzionale.

CONDIVIDI
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
loop-single