Palazzo Priotti a Torino
News
E’ accaduto in corso Vittorio Emanuele II a pochi passi da porta Nuova

In preda alla rabbia, scaraventa una specchiera ed altri oggetti giù dalla finestra di Palazzo Priotti

Inquilino dà in escandescenza. Bloccato dalla polizia viene trasferito in ospedale. Per fortuna nessun passante è rimasto ferito dai vetri o dagli altri oggetti piovuti sul marciapiede

In preda alla rabbia, ha scaraventato mobili, oggetti e suppellettili giù dalla finestra. E solo per puro caso nessuno tra quanti, in quel momento, si trovavano a passare sul marciapiede sottostante, è rimasto ferito. E’ accaduto questa mattina, sul centralissimo corso Vittorio Emanuele II, a pochi passi da Porta Nuova.

GETTA IMMONDIZIA PER LE SCALE
Ad andare in escandescenza è stato un giovane inquilino di Palazzo Priotti. L’uomo, secondo quanto raccontato dal portiere dello stabile alle forze dell’ordine, ha iniziato ad urlare frasi senza senso, senza alcun motivo apparente e quando lui è salito di sopra per andare a vedere cose stesse accadendo, prima ha iniziato ad insultarlo, poi ha aperto la porta di casa e ha gettato oggetti ed immondizia per le scale.

SCARAVENTA UN SPECCHIERA DI LEGNO DALLA FINESTRA
Come se non bastasse, proprio mentre le Volanti della polizia (nel frattempo allertate) raggiungevano corso Vittorio Emanuele, l’uomo ha sfondato il vetro della finestra del suo appartamento (ubicato al primo piano del palazzo) ed ha scaraventato, di sotto, uno specchio con una pesante intelaiatura in legno, un computer portatile, alcuni ombrelli ed altri mobili.

IL GIOVANE SOCCORSO DAL 118: E’ STATO AMMANETTATO
Fortunatamente nessun passante è rimasto colpito dalla pioggia di vetri e oggetti abbattutasi sul selciato. Con gli agenti della Polstato, sono arrivati davanti Palazzo Priotti anche gli uomini della Municipale che hanno provveduto a transennare la zona mettendola in sicurezza. Il giovane inquilino, riportato alla calma, è stato bloccato e quindi fatto salire a bordo di un’ambulanza del 118 con un paio di manette ai polsi.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo