Bicincittà
Cronaca
SALA ROSSA

In due anni 800 bici vandalizzate: il Comune rilancia 103 stazioni

Il contratto con Bicincittà scade nel febbraio del 2023. Ma preoccupano i raid

Mancano due mesi alla scadenza dell’accordo tra il Comune di Torino e l’associazione Bicincittà, che gestisce il servizio di bike sharing attivo a Torino. A preoccupare, oggi, sono i furti e gli atti vandalici che in due anni sono costati 800 biciclette. Infatti dal 2021 la società ha messo in strada circa 1.100 mezzi e oggi, numeri alla mano snocciolati dall’assessora alla Mobilità Chiara Foglietta, ne rimangono appena trecento unità. «La situazione di regolamentazione dello sharing che ho trovato – ha spiegato Foglietta, rispondendo a un’interpellanza del consigliere del gruppo misto, Giuseppe Iannò -, era molto frammentaria e a partire dal bando dei monopattini ho iniziato a mettere ordine. In questa ottica cercheremo di capire se con la scadenza del bando sulla micromobilità del 2024 sarà possibile regolamentare in maniera uniforme free floating e station based».

I numeri

A preoccupare, oggi, sono proprio i numeri legati agli atti vandalici. Che coinvolgono le bici ma, spesso, anche le stazioni stesse. Molte delle quali, non a caso, hanno avuto bisogno do un vero e proprio restyling. Dal marzo 2022 – ha spiegato Foglietta – si è procedute all’ammodernamento di 103 stazioni (di cui 3 ora in manutenzione), alla dismissione di 69 stazioni, all’arrivo di 1.100 bici e a nuove 18 installazioni di stazioni di cui 14 installate (nove attive, due in manutenzione, tre con attivazione prevista nella giornata di domani). «A partire dal 2021 – ha proseguito Foglietta -, Bicincittà ha comunicato di aver provveduto a mettere su strada l’intera flotta di biciclette programmate, in più tranches». Ma come detto ben 800 sono stati gli atti di vandalismo, con scheletri abbandonati sul marciapiede o mezzi lanciati nelle acque del Po o della Dora. Fenomeno che, per altro, ha già causato l’addio di altri colossi della mobilità.

3.280 bici

La società Bicincittà ha denunciato azioni di vandalismo sui mezzi e a questo proposito sono state interessate le forze dell’ordine con numerose azioni di recupero. Attualmente il servizio conta di circa 300 bici di cui circa 100 del vecchio modello riparato e rimesse a servizio. «Come offerta per i cittadini – ha concluso Foglietta -, sono presenti in città altri operatori di noleggio bike ed e-bike a flusso libero per un totale di 3.280 biciclette con costi medi di noleggio 0,20 centesimi al minuto più 1 euro di sblocco per le e-bike e 0,10 centesimi al minuto più 0,50 centesimi di sblocco per le bike, senza costo di abbonamento».

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo