telecamere venaria
Cronaca
VENARIA

In città 50 nuove telecamere per fermare ladri e vandali

Ne saranno installate 10 all’anno fino al 2025 in aggiunta alle 100 già operative
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

Il furto nell’abitazione di Giovanni Pasquale, ex giocatore di serie A, è solo l’ultimo episodio avvenuto a Venaria. E se aggiungiamo anche gli atti vandalici, nella Reale da tempo c’è volontà di maggiore sicurezza. Soprattutto dopo quanto accaduto in piazza Pettiti, fa, con un 30enne denunciato – e 15 sanzionati per violazioni Covid – per aver vandalizzato il gabbiotto del parcheggio sotterraneo.

Ed è per questo motivo che Palazzo Civico ha deciso di investire, ulteriormente, sulla sicurezza. Come? Mettendo a bilancio l’installazione di dieci nuove telecamere ogni anno fino al 2025, per un totale di 50 nuovi occhi elettronici.

Un’operazione che avrà un costo complessivo, nei cinque anni, di 75mila euro. Le telecamere saranno collegate alla rete di videosorveglianza cittadina, gestita da Asm (Azienda Speciale Multiservizi), società partecipata comunale.

Gli occhi elettronici saranno controllati dalle centrali operative di polizia locale e carabinieri. Come già avviene per le 100 già attive e dei 37 varchi d’accesso o uscita dalla città, dove vengono controllate anche le targhe dei mezzi, per verificare se un’auto, una moto o un tir siano in regola con bollo, assicurazione o non siano rubate.

«La sicurezza è una priorità di questa Amministrazione. Ricordo in campagna elettorale come i residenti di ogni quartiere chiedessero interventi su questo importante tema. Le telecamere sono a tutti gli effetti non solo un ottimo deterrente contro le azioni criminose. Ma sono un ottimo e valido aiuto per la nostra polizia locale, per i carabinieri della compagnia di Venaria e per tutte le forze dell’ordine, visto che proprio grazie a questi occhi elettronici sono riusciti a trovare il responsabile dei recenti atti vandalici in piazza Pettiti», commenta il sindaco Fabio Giulivi.

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo