Reddito
Cronaca
Operazione della Gdf di Torino

In carcere alle Vallette, ma col reddito di cittadinanza: scovati 105 furbetti [VIDEO]

Oltre 430mila euro percepiti indebitamente da persone che non ne avevano diritto: saranno recuperati
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

I furbetti del reddito di cittadinanza stanno anche nel carcere delle Vallette a Torino. È quanto ha scoperto la guardia di finanza del capoluogo piemontese (in collaborazione con l’Inps), che ha denunciato, a inizio aprile 2021, 105 tra detenuti e loro familiari accertando oltre 430mila euro indebitamente percepiti da persone che non ne avevano diritto.

In sostanza, i detenuti e i loro familiari percepivano la somma omettendo di dichiarare lo stato di carcerazione che, di fatto, muta la composizione del nucleo familiare riducendone il numero. Le persone individuate sono state segnalate a 14 uffici giudiziari nelle Regioni di residenza di Piemonte, Lombardia, Emilia-Romagna, Campania, Puglia, Calabria e Sicilia, alla stessa Inps per la revoca del sussidio e il recupero del beneficio economico nonché alla procura regionale della Corte dei Conti per gli eventuali profili di danno erariale.

Tra i denunciati figurano anche detenuti per reati di particolare gravità, quali associazione per delinquere, traffico e spaccio di stupefacenti, rapina, estorsione e furto, violenza sessuale, pornografia minorile e maltrattamenti in famiglia.

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo