Roberto Mancini, ct dell'Italia (foto depositphotos)
Il meglio degli altri
LA RUBRICA

Il top degli altri

Stilisti
«Mancini intanto si fa stilista. Debutterà con una capsule collection per il marchio Paul & Shark al Pitti: “dieci capi tra cui una t-shirt, una felpa, un capo ibrido e un costume. Tutti con bandierina tricolore e firma di Mancini, tutti realizzati in full white”. “I materiali? Piquet, jersey, cotone mercerizzato e microfibra high density e poliestere riciclato ricavato da bottiglie di plastica recuperate in mare” (ormai tutto ciò che è buono e giusto è preso dalle bottiglie di plastica in fondo agli oceani)»
Masneri, Foglio

Scrittori
«Madame Bovary nel podcast “Vive!” prende penna e inchiostro (nero come l’arsenico sulle sue labbra), e scrive a Flaubert una lettera: “Voglio dirti quanto sei stato crudele: volevi che il mio cadavere perseguitasse il lettore, mi hai fatto intelligente e insieme ottusa” (come se fosse facile). Finite le lamentele, decide che sarà lei a raccontare la propria storia: “Mi saranno sorelle tutte le donne che hanno preso in mano la penna per raccontare la loro vita vissuta”. Eccome no, ci voleva anche quest’altra sciagura nel mondo: la convinzione che ogni donna arrabbiata, seduta a tavolino con la sua lista dei torti, sappia scrivere come Gustave Flaubert»
Mancuso, Foglio

Editori
Severino Cesari le manca? «Certo. Era più bravo di me, è stato uno dei più grandi editor della letteratura italiana degli ultimi cinquant’anni. Era paziente, bravo ad ascoltare». Sta cercando di essere diplomatico? «Sto cercando di riparare al disastro che questa intervista procurerà alla mia carriera»
Paolo Repetti, direttore editoriale di Einaudi Stile Libero, 65 anni, a Simonetta Sciandivasci, Foglio

Altre cose
Abbiamo anche appreso: che Giampiero Mughini a casa sua ha sette stanze dove tiene solo libri; che un Picasso rubato nove anni fa ad Atene è stato ritrovato nascosto fra i cespugli in una foresta a quarantacinque chilometri dalla capitale greca; che negli anni 60 a Pedasefogu, in Sardegna, volevano costruire una «base spaziale» che potesse competere con Cape Canaveral o Baikonur; che ogni anno in Italia più di 400 persone muoiono affogate; che Facebook in borsa ha superato i mille miliardi di dollari di capitalizzazione; che mentre la Francia veniva eliminata dalla Svizzera, sulle tribune, la mamma di Rabiot si accapigliava con i genitori di Pogba e di Mbappé; che su Telegram sono in vendita Green Pass fasulli con lo stemma dell’Unione Europea, il nominativo e il Qr Code (costo: 150 dollari, 75 da pagare subito, 75 da pagare alla consegna).

Gloria Guida ha dichiarato: “Forse nella vita ho fatto troppe docce”. Riferendosi ai ruoli sexy… «Io uscivo dalla vasca da bagno e Lino sbirciava da dietro la porta; (sorride) mostravo le forme granitiche del mio corpo». Ecco. «E comunque le scene sexy con Gloria, o quelle con Edwige (Fenech) e le mie, ancora oggi fanno sognare». Era iper-corteggiata. «Lo sono ancora». Proposte indecenti? «Certo, e ho dato dei begli schiaffoni; Pingitore mi chiama sempre “Selvaggeria”» Regali? «Nel periodo d’oro, quello del Bagaglino, mi è arrivato di tutto, anche dei collier di diamanti e li ho rispediti indietro». Proprio tutto? «No, in un caso se lo semo magnato: era una cassa clamorosa di pesce, anzi di aragoste. Appena recapitata vado da Pingitore: “Maestro, e ora?”. “Ferma, questa la teniamo”»
Pamela Prati, 62 anni, a Alessandro Ferrucci, Fatto

Buste paga
Quanti soldi ha sperperato? «Tantissimi, ma altrettanti me ne hanno fregati; (ci ripensa) però non li ho sperperati, piuttosto non mi sono fatta mancare nulla». Esempio? «Una follia? Appena ho firmato per Mediaset sono andata da Chanel e ho speso 100 milioni di lire». Alla faccia. «Ero ancora quella bambina che non aveva il pane per la merenda, quindi dovevo togliermi quella soddisfazione».

Benedetto Berlusconi
«Ho comprato casa pure a mamma; il presidente veniva a trovarci al Bagaglino, si piazzava sul palco e raccontava le sue barzellette sconce»
Pamela Prati, 62 anni, a Alessandro Ferrucci, Fatto «Non ho niente contro i tifosi, sono così sensibili»

Michele Masneri
Anteprimanews

Condividi sui social:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

Scopri inoltre...

Rubriche, Il meglio degli altri
LA RUBRICA
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo