stefano della casa
Spettacolo
COLPO DI SCENA

Il Tff ritorna al futuro con Steve Della Casa

Il fondatore della rassegna è il nuovo direttore, sua la 40esima edizione

È un po’ come se Lippi tornasse ad allenare gli Azzurri, o Pippo Baudo a condurre il Festival di Sanremo. Se ogni piede ha la sua scarpa come si suol dire, allora, al Torino Film Festival calza perfettamente il nome di Stefano Della Casa che oggi, esattamente dopo 20 anni (1998-2002), torna alla guida della rassegna da lui stesso fondata nel 1982 con il nome di Festival Cinema Giovani. Al critico cinematografico nato a Torino il 25 maggio del 1953, fondatore del Movie Club di Torino, storico conduttore di Hollywood Party su Radio Rai3, presidente della Film Commission Torino Piemonte dal 2006 al 2013, guida del Roma Fiction Fest fino al 2014, nonché super tifoso granata, tocca il compito di succedere a Stefano Francia di Celle giunto al termine del suo mandato dopo due anni di aspettativa dalla Rai. Un passaggio di consegne che ha tutto il sapore del ritorno al futuro in vista della prossima importantissima edizione, la numero quaranta, sulla quale è già calata la tensione e verso la quale è impossibile fare passi falsi. I vertici del Museo del Cinema, Enzo Ghigo e Domenico De Gaetano hanno preferito non rischiare puntando sul sicuro. Un passo indietro e, si spera, mille in avanti con la visione d’insieme di chi conosce la rassegna e mastica pane e cinema da sempre, anche se, bisognerà fare i conti con il tempo che oltre a scorrere, ha cambiato le cose, specie nei due anni di pandemia. Ne è passata di acqua sotto i ponti da quando all’ombra della Mole debuttavano sul grande schermo titoli di giovani registi pronti a sfondare in un mondo affamato di novità. Staremo a “vedere”. Nel vero senso del verbo.

Condividi sui social:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo